Archivi tag: humor

I Parrucchieri Salveranno i Giornali?

Romanesko segnala che in Canada Google ha comprato delle pagine publicitarie sui principali quotidiani nazionali per promuovere Google AdWords.

Gli annunci, apparsi martedì scorso, recitano: “Sai chi ha bisogno di un taglio di capelli? Quelli che cercano un taglio di capelli. Forse è per questo che la pubblicità su Google funziona”.

Impossibile non notare la contraddizione nei termini, come fa il giornalista canadese Steve Ladurantaye che giustamente si chiede se in realtà la campagna del gigante di Mountain View dimostri esattamente al contrario il valore della pubblicità sui giornali.

Qualunque sia la risposta sarà bene non farlo sapere ad Andrea Riffeser Monti, ossessionato da tempo dall’idea di far pagare le “sale da lettura’ nei bar”, potrebbe decidere di rilanciare chiedendo lo stesso trattamento anche per i parrucchieri.

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Vendite Editoria

Non Leggete Questo Articolo

Oggi giornata dedicata alle beffe, agli scherzi. Tra tutti particolarmente segnalato in Rete, anche dalle edizioni online dei giornali tradizionali, quello realizzato da Google che ha lanciato un gustoso pesce d’aprile che ha le sembianze di una versione molto particolare di Google Maps, arrivato già oltre il milione e mezzo di visualizzazioni.

Il migliore di tutti, a mio avviso, per quanto riguarda il comparto editoriale, è quello proposto da «The Next Web» che si è inventato un nuovo sistema, una nuova modalità per risolvere l’annoso problema delle revenues in ambiente digitale.

Nell’articolo pubblicato stamani infatti, si annunciava che a partire da domani l’accesso alla testata all digital sarebbe stato a pagamento, arricchendo la notizia con tutti i particolari, dalle tariffe a un meccanismo antisocial che avrebbe impedito di vedere l’articolo quando fosse stato condiviso più di 300 volte, passando per altre opzioni tanto fantastiche quanto fantasiose. Davvero straordinario.

C’è solo da sperare che qualcuno non lo prenda per buono e copi il modello. Visti tempi, non si sa mai.

Sul tema, vale lettura la selezione effettuata da Poynter degli 8 migliori pesci d’aprile fatti da quotidiani.

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Personal

The Revolution Will Be Newspaperised?

The need of categorizing everything raises even more, if possible, when there are new emerging phenomenon which lack of understanding.

After the Occupy Wall Street movement started to publish it’s own printed newspaper now also in the UK the Occupy London protesters have printed their version too.

Consisting of twelve A4 pages of comment, news and features alongside photos, cartoons and event listings, written largely by the camp’s occupants, there is an initial run of 2000 copies of  the first issue of the newspaper,  available also as a PDF  or  on issuu.com.

The Tunisia’s revolt as been often described as the Twitter revolution, shortly after the uprising in Egypt needed the new definition of Facebook revolution, apparently the worldwide movement mainly against banks and financial institutions should briefly be the newspapers revolution and, of course, we will be reading articles asking if the revolution will be “newspaperised” [I promise not to use any more this term].

So funny, so real, so true?

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Parodie Quotidiane

Il cartoon realizzato da Tom Tomorrow rappresenta, con la giusta dose di umorismo, un’ottima parodia relativamente alle prospettive dei quotidiani così come oggi li conosciamo ed  all’incertezza rispetto a quali modelli di business siano realisticamente perseguibili per l’informazione.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Strumenti di Governo

Il Governo si appresta al varo della correzione della manovra correttiva, paradosso solo apparente di quella che invece è esattamente la realtà dei fatti di questo caldo luglio del 2011.

«Il Giornalaio», in esclusiva nazionale, presenta lo strumento utilizzato per la revisione della finanziaria.

- Clicca per Accedere alla Versione Interattiva -

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Produzione di Notizie

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Notizie Dirette a Danneggiare l’Immagine

Una nota diramata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri evidenzia la diffusione di notizie che farebbero parte di un disegno teso a danneggiare l’immagine del nostro paese.

Sono evidenze ineluttabili di un complotto anti italiano che viene da lontano.

A sostegno della tesi di cui si è fatto portavoce il Ministro Frattini, <<Il Giornalaio>> ha raccolto ulteriori prove.

Il Crollo dell’Impero Romano: Le tavolette di marmo recentemente ritrovate durante il recente ripristino della fermata della linea tre “Zara”, dimostrano che non vi fu un crollo ma un semplice assestamento come il rinascimento italiano ha reso evidente.

La Nazionalità di Cristoforo Colombo: Ogni informazione diffusa nel tempo tesa a smentire l’italianità del celebre scopritore è falsa e tendenziosa; che fosse genovese è ampiamente dimostrato dal fatto che non pagò il viaggio di tasca sua.

Adeguatezza dei Provvedimenti del Governo:  La carestia del 1629, l’eruzione del Vesuvio nel 1631 e il terremoto nel Sannio del 1688, sono la testimonianza della pesante eredità ricevuta dall’attuale governo, che solamente grazie alla generosità ed all’impegno dei propri componenti sta risollevando le sorti del paese.

La Massoneria: La diffusione di notizie relative all’appartenenza di collaboratori del Presidente del Consiglio e dello stesso Silvio Berlusconi a associazioni criminali [mafia] o società segrete [P2 & P3] sono l’invenzione di magistratura e giornali partigiani e tendenziosi. La prima loggia massonica in Italia fu fondata nel 1733, è evidente che nessuna delle figure citate potesse partecipare ai fatti dell’epoca.

Promesse & Tassazione: Anche le promesse del governo in materia di tassazione sono state mantenute.  Al suo insediamento il direttivo ha abrogato la tassa sul macinato e sta lavorando, grazie alla collaborazione tra Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il Ministro per le Semplificazioni, alla tassa sulla rendita pubblica introdotte dal centro sinistra con Cambray-Digny.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal