Archivi tag: paywall

Pagherete Caro, Pagherete Tutto?

Lightspeed Research, per conto di Kantar Media, ad agosto di quest’anno ha indagato la propensione degli internauti britannici, delle persone a pagare per l’informazione online.

Dai risultati, pubblicati in questi giorni, emerge, o forse per meglio dire si conferma ancora una volta, come la disponibilità a pagare sia assolutamente minima. Complessivamente solo il 4% degli intervistati afferma di aver pagato per dei contenuti informativi online e l’80% afferma che smetterebbe di visitare il sito web di una testata se questa adottasse un paywall.

Il 43% dei rispondenti afferma che non ci sia motivo di pagare per avere informazione che altrove è disponibile gratuitamente ma il 21% dice che può avere senso se il contenuto è di nicchia, specializzato.

Al di là della conferma della scarsissima propensione a pagare, che emerge in tutte le ricerche sul tema, nella mia interpretazione, i dati dicono da un lato che le notizie sono perlopiù unbranded e che dunque senza brand non c’è valore aggiunto, non c’è speranza di sopravvivenza, e dall’altro lato che la specializzazione paga anche da questo punto di vista.

Non è necessario guardare esclusivamente ai successi del «Financial Times» in tal senso ma è sufficiente vedere l’andamento delle vendite di copie digitali nel nostro Paese per capirlo.

Paywall UK

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Monetizzazione?

Il Regno Unito ha il maggior sviluppo del digitale in Europa sia in termini di penetrazione ed utilizzo della Rete che, di riflesso, a livello di giro d’affari e posti di lavoro prodotti da quest’area. Può dunque essere considerato la “punta di diamante” del vecchio continente per cercare di ipotizzare quali tendenze potranno espandersi alle altre nazioni, Italia compresa ovviamente, in tempi più o meno dilatati a seconda dei casi.

Secondo un sondaggio di YouGov, commissionato da «The Guardian» a  marzo di quest’anno, poco più della metà [il 57%] dei britannici tra i 18 ed i 24 anni ha letto un giornale online nell’ultimo anno.

Lettura Giornali Online UK

Se complessivamente circa la metà degli inglesi ha letto un quotidiano online negli ultimi 12 mesi, come mostra il grafico di sintesi dei risultati sopra riportato, il pagamento delle notizie è di gran lunga inferiore attestandosi ad un modestissimo 3% del totale.

La propensione a pagare per avere informazione online è talmente scarsa che persino gli abbonati alla versione cartacea del «The Financial Times» all’ora di consultare notizie sul Web privilegiano «The Daily Telegraph» e «The Guardian» che non sono protetti da paywall come il prestigioso quotidiano economico-finanziario.

In generale sono i contenuti multimediali [film, tv on demand, musica…etc.] quelli che hanno il maggior tasso di acquisto con il 18% delle persone che dichiara di aver pagato per questa tipologia di prodotti, seguiti da un 11% che ha pagato per scaricare delle applicazioni. Oltre due terzi, il 67%, non ha mai pagato contenuti o servizi digitali nell’ultimo anno.

Pagamento Notizie Online

Non è un caso che le voci iniziate circa un anno fa sull’introduzione di un metered paywall da parte di alcuni dei principali quotidiani italiani non abbiano trovato ad oggi fondamento alcuno nonostante le ripetute dichiarazioni di De Benedetti nella prima metà di quest’anno in tal senso.

Va evidenziato inoltre come da quando sono iniziate le rilevazioni ADS delle copie digitali, a gennaio 2013, dopo una partenza sprint la curva di adozione, le sottoscrizioni di abbonamenti abbiano notevolmente rallentato e la tendenza parrebbe essere quella di una stabilizzazione a poco più delle cifre attuali.

E’ chiaro insomma che i paywall non sono la soluzione ai problemi di monetizzazione del comparto editoriale e che la ricerca di ricavi deve basarsi su una molteplicità di fattori che attualmente, sia in generale che ancor più per quanto riguarda la realtà nostrana, non sono ancora stati adottati nella stragrande maggioranza dei casi.

Non esiste un modello di business ma esistono, si possono ricercare e plasmare, dei modelli che nel loro insieme garantiscano ricavi apprezzabili. L’importante è iniziare a farlo, magari andando anche per tentativi [ragionati], sperimentando, senza attendere il prossimo, l’ennesimo piano strategico dalle improbabili previsioni.

Abbonamenti Digitali Quotidiani Italiani

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Il Paywall Aumenta le Vendite del Cartaceo

Sono passati due anni da quando il «The New York Times» decise di innalzare un muro, un “metered paywall”, inizialmente con 20 articoli gratuiti ora scesi a 10, tra polemiche e perplessità.

Ora sappiamo che si è trattato di una scelta vincente con oltre 675mila abbonati all’edizione online.

Per l’occasione Journalism.co.uk ha intervistato Paul Smurl, Vice Presidente di NYTimes.com Paid Products al New York Times Media Group, per fare il punto della situazione sul modello dei metered paywall.

Smurl, tra le altre cose, nell’intervista afferma:

We didn’t design this model to support print but in fact what we’ve seen is an increase in home delivery subscriptions, in particular on Sundays, for the last several ABC periods since we launched and an improvement in trend in terms of print cancellations and retention and that has been a surprise to us.

Il paywall aumenta le vendite del cartaceo.

Giornali al Vento

Sul tema da leggere le considerazioni e le previsioni di Felix Salomon.

Lascia un commento

Archiviato in Vendite Editoria

La Liberazione è Online nel 2013

“Torno Subito” era stato il titolo dell’ultima prima pagina di «Liberazione», quella del 31.12.2011, che annunciava la cessazione delle pubblicazioni del quotidiano che poi in realtà aveva continuato le uscite sino al 23 gennaio del 2012 seppure solo in formato elettronico, in PDF.

Che la cessazione delle pubblicazioni fosse solo una sospensione era stato affermato ad inizio aprile del 2012 ma in molti avevano pensato che difficilmente si sarebbe assistito ad un effettivo ritorno del quotidiano del Prc.

In questi giorni è invece apparso sul sito del giornale l’annuncio ufficiale a firma di Paolo Ferrero e del direttore Dino Greco che dal 7 di gennaio riprendono le uscite del giornale.

Il giornale sarà disponibile, con cadenza quotidiana dal lunedì al venerdì, solamente online in formato digitale  perchè, si legge, i costi della carta non sono sostenibili; anche se a guardare i conti economici degli ultimi due anni la maggior voce di costo pare essere un’altra. L’ultima domenica di ogni mese pubblicherà inoltre un’edizione speciale che avrà il carattere dell’analisi e dell’approfondimento dei più importanti temi politici e culturali del periodo, trattati attraverso brevi saggi, interviste, inchieste.

«Liberazione» sarà gratuito sino al 31 gennaio per poi passare a pagamento. Tre le formule con la possibilità di acquisto della singola edizione a 0,30 centesimi oppure abbonamento semestrale [30€] o annuale [50€].

“La qualità della risposta che verrà dai lettori, da quelli che non ci hanno mai abbandonato e dai nuovi che dobbiamo conquistare […] deciderà del nostro futuro” concludono Greco e Ferrero nell’annuncio di ripresa delle pubblicazioni. Un test importante per verificare se il paywall della fiducia è un concetto valido solo al di là dell’oceano o meno.

Buon viaggio alla rinata Liberazione.

Bon Voiage

1 Commento

Archiviato in Distribuzione Editoria, Nuovi Prodotti Editoriali, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Cattive Notizie per le Notizie Online

Il tema di come recuperare parte dei ricavi persi sia dal declino delle vendite dei quotidiani cartacei che dal calo degli investimenti pubblicitari sugli stessi è centrale nell’analisi della sostenibilità dell’evoluzione verso il digitale per l’industria dell’informazione.

Fra le diverse opzioni, le distinte sperimentazioni in atto, l’adozione del paywall, di un muro, più o meno penetrabile, è un tentativo che dopo l’introduzione da parte del NYTimes a marzo 2011 in molti, soprattutto negli Stati Uniti ma anche in Europa, hanno adottato o stanno pensando di adottare. Sul tema l’infografica pubblicata da Mashable fa una buona sintesi dello stato dell’arte per quanto riguarda gli USA e la ricerca, condotta da Jonathan E. Cook, della Columbia University di New York, e Shahzeen Z. Atta, della Indiana University, su attitudini e comportamenti dei lettori del «The New York Times», aiutano a chiarsi le idee.

Argomento “caldo” anche in Italia dove i rumor, le indiscrezioni, sul possibile passaggio a pagamento nel 2013 da parte dei due principali quotidiani online nazionali, e forse anche di altri, hanno ripreso corpo. Al riguardo è opportuno sottolineare come in molti casi, se si esclude il «Financial Times», primo tra tutti i giornali internazionali a passare anche nell’edizione digitale esclusivamente a pagamento già nel 2010, che rappresenta uno dei rarissimi casi di successo in ambito editoriale nella  valorizzazione dei contenuti online, si vede come, allo stato attuale, l’adozione di un paywall, “metered” [con un numero mensile di articoli fruibili gratuitamente] o meno, abbia spesso rilanciato le vendite, o comunque i ricavi derivanti dalla versione cartacea.

A metà ottobre Forrester ha pubblicato le sue previsioni per il quinquennio 2012 – 2017 proprio sulle tendenze per il prossimo lustro per quanto riguarda i contenuti a pagamento online relativamente all’ Europa dei sette: Francia, Germania, Olanda, Spagna, Svezia, Regno Unito e Italia, i cui contenuti sono stati integrati da un successivo rapporto sul tema reso disponibile [i entrambi i casi solo a pagamento] il 31 ottobre.

Previsioni che sono state accolte con entusiasmo poichè, per quanto riguarda specificatamente le notizie online, si passerebbe – il condizionale è d’obbigo trattandosi di previsioni, per quanto accurate possano essere – da 158 milioni di euro del 2012 ai 279 del 2017, Sempre secondo Forrester il numero di persone disponibili a pagare per notizie e informazioni, anche se non viene specificato di quale tipologia [se specialistica, specializzata, o meno] passerebbero da 4,8 milioni del 2012 a 8,1 milioni nel 2017 con il 20% dei possessori di tablet che entro i prossimi 5 anni si dichiarano disponibili a pagare.

Se una tendenza positiva è certamente una buona notizia, vi sono degli aspetti che richiedono una riflessione e credo riducano significativamente entusiasmi e speranze.

In primis 8,1 milioni di persone disposte ad acquistare informazione, notizie in formato digitale rappresentano comunque una frazione molto ridotta rispetto  a coloro che invece comprano un quotidiano di carta. Per l’esattezza la proiezione di Forrester per il 2015 parla di 235 milioni di euro per le notizie in formato di digitale mentre le proiezioni per lo stesso anno pubblicate a giugno dal «The Economist» dei ricavi per i giornali di carta in Europa sono di 58,9 miliardi di euro.

Inoltre, come viene sottolineato sia da Forrester che da Paid Content l’evoluzione della disponibilità a pagare pone serie minacce ai già ridotti ricavi derivanti dalla vendita di pubblicità online per le testate che dovranno necessariamente rivedere la loro offerta anche sotto questo profilo pena la perdita di ricavi anche su questo fronte come già avviene, ad esempio, al NYTimes da 6 mesi a questa parte. Approfondirò quest’area nei prossimi giorni, promesso.

Come mostra la tavola di sintesi sottoriportata, che solo «El Pais» ha reso disponibile, seppure tra i diversi segmenti analizzati il maggior tasso di crescita sia quello che riguarda le news, le dimensioni del mercato resteranno infinitesimali rispetto a musica, giochi e video. E’ l’evidenza più concreta di quanto poco nel complesso l’industria dell’informazione sia in grado di coinvolgere e di convincere le persone.

Le strategie sin qui adottate per far pagare alle persone i contenuti online non paiono adeguate. La focalizzazione sul pagamento prima che sulle persone, sui loro interessi, sul business prima che sulla credibilità e la qualità dell’informazione diffusa, non consentiranno una sostenibilità dell’informazione online/digitale. Le strade da seguire sono altre.

In tema, ad integrazione, si legga anche “Print Media in Times of Change – a key contributor to EU 2020” dell’ENPA – European Newspaper Publishers Association.

3 commenti

Archiviato in Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Non Leggete Questo Articolo

Oggi giornata dedicata alle beffe, agli scherzi. Tra tutti particolarmente segnalato in Rete, anche dalle edizioni online dei giornali tradizionali, quello realizzato da Google che ha lanciato un gustoso pesce d’aprile che ha le sembianze di una versione molto particolare di Google Maps, arrivato già oltre il milione e mezzo di visualizzazioni.

Il migliore di tutti, a mio avviso, per quanto riguarda il comparto editoriale, è quello proposto da «The Next Web» che si è inventato un nuovo sistema, una nuova modalità per risolvere l’annoso problema delle revenues in ambiente digitale.

Nell’articolo pubblicato stamani infatti, si annunciava che a partire da domani l’accesso alla testata all digital sarebbe stato a pagamento, arricchendo la notizia con tutti i particolari, dalle tariffe a un meccanismo antisocial che avrebbe impedito di vedere l’articolo quando fosse stato condiviso più di 300 volte, passando per altre opzioni tanto fantastiche quanto fantasiose. Davvero straordinario.

C’è solo da sperare che qualcuno non lo prenda per buono e copi il modello. Visti tempi, non si sa mai.

Sul tema, vale lettura la selezione effettuata da Poynter degli 8 migliori pesci d’aprile fatti da quotidiani.

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Personal

Modelli di Sviluppo Economico dell’Informazione

In seguito all’excursus della scorsa settimana su paywall, valorizzazione dei contenuti online e modelli di pagamento sono state diffuse le evidenze emergenti da “The Search for a New Business Model”, studio di analisi dei modelli di business dei quotidiani statunitensi realizzato da The Pew Research Center’s Project for Excellence in Journalism,  consentendo di ampliare ed approfondire il quadro di riferimento su dove risieda la chiave del successo per le testate digitali e i gruppi editoriali.

I contorni del contesto competitivo si completano ora di ulteriori riferimenti, permettendo di focalizzare ancora meglio lo scenario attuale e le sue possibili evoluzioni, grazie a “World Newsmedia Innovation Study 2012”, indagine a cadenza annuale, condotta dall’associazione di ricerca no profit statunitense, in associazione con i ricercatori dell’University of Central Lancashire e della Columbia University’s School of International and Public Affairs , i cui risultati sono stati ottenuti in esclusiva dal sottoscritto per conto dell’ Osservatorio europeo di giornalismo – European Journalism Observatory [EJO], nei cui spazi sono stati pubblicati quest’oggi all’interno della mia colonna settimanale.

Lo studio si focalizza sugli aspetti finanziari ed economici, i piani di innovazione e di formazione e sviluppo delle principali media companies ed i risultati emergenti sono davvero tutti da leggere.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria