Archivi categoria: Personal

Nuova Casa

Come spiegato nell’articolo di ieri, questo spazio non sarà più aggiornato. Le pubblicazioni proseguono con la consueta regolarità all’interno di DataMediaHub.

Vi aspetto, vi aspettiamo a braccia aperte. Grazie per l’attenzione.

Come in

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal

DataMediaHub è Online [beta]

Sono stati – quasi – cinque anni molto intensi quelli della vita de “Il Giornalaio”. Anni nei quali credo davvero di poter dire di aver imparato molto dalla cura dei contenuti di questo spazio.

Nella definizione di zona temporaneamente autonoma, che ho sottolineato a più riprese, era evidentemente implicita la natura transitoria. È arrivato oggi il giorno della transizione. Da stamattina ci si trasferisce su DataMediaHub.

DataMediaHub PreEmption

All’interno del nuovo spazio sono già stati trasferiti tutti gli archivi di “Il Giornalaio” ed a partire da stamane gli aggiornamenti quotidiani saranno disponibili all’interno di DatamediaHub.

La partenza è volutamente in beta, in evoluzione e contiamo di riuscire ad essere a regime entro la fine di febbraio. Quotidianamente saranno implementate nuove sezioni del sito web. Per farlo contiamo davvero sul contributo di tutti coloro che vorranno collavorare [ancora una volta, non è un refuso] alla definizione puntuale delle caratteristiche e dei contenuti di DataMediaHub.

A tale scopo una delle prime sezioni che verranno implementate nei prossimi giorni sarà quella dell’area community.

Tutti, professionisti e persone interessate al tema, sono invitati a partecipare. In un’ottica “web 2.0” vogliamo costruire DataMediaHub raccogliendo suggerimenti e contributi da parte di tutti coloro che vorranno fornire il loro apporto. Vogliamo costruire DataMediaHub con gli altri per gli altri.

Se avete già delle idee e siete desiderosi di comunicarle immediatamente senza attendere i prossimi giorni potete farlo attraverso la pagina Facebook, l’account Twitter o, volendo, per posta elettronica.

É in quest’ottica, posso anticiparlo, che settimana per settimana presenteremo un calendario editoriale, in modo da avere un feedback sui temi e le modalità di visualizzazione che interessano di più.

DataMediaHub vuole essere un riferimento ma anche uno stimolo. Una dimostrazione di come si possano –  e si debbano – sperimentare nuovi format informativi. Vi aspettiamo a braccia aperte.

Grazie!

giornalaio fine

5 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Personal, Scenari Editoriali

InnovAzioni e SperimentAzioni

Una cosa è certa, il 2014 sembra essere davvero l’anno del fare, dello sperimentare.

Dopo l’annuncio del lancio di DataMediaHub, a cui stiamo lavorando per implementare il sito che tra una settimana dovremmo riuscire già ad aggiornare quotidianamente, sempre da ieri sono “temporary manager” per «La Stampa» in qualità di social media editor.

Le ragioni ed il senso sono spiegate dal direttore del quotidiano piemontese nell’articolo pubblicato sul sito web del giornale: “Social  Media, da oggi a La Stampa porte aperte agli innovatori della  Rete”, in cui Mario Calabresi, appunto, spiega come a suo avviso “questa è l’occasione giusta per passare dalle parole ai fatti: lasciare che il giornalismo tradizionale si contamini con le migliori esperienze della rete”. Difficile non condividerne la prospettiva al di là del mio coinvolgimento personale.

Al di là delle motivazioni espresse dal direttore del giornale torinese, quale sia una parte dell’innovazione nella scelta effettuata lo spiegano, da due prospettive complementari, che si integrano tra loro, Carlo Felice Dalla Pasqua e «Il Ducato», giornale online dell’Istituto per la Formazione al giornalismo di Urbino, che in entrambi i casi pongono l’accento sul fatto che sia un non giornalista [il sottoscritto] a ricoprire questa posizione per una testata.

Quando circa 7 anni fa ho iniziato a conoscere da vicino il settore editoriale e sono rimasto letteralmente esterrefatto nel constatare come sia caratterizzato, in buona parte ancor oggi, da logiche organizzative e gestionali che in altri settori/mercati sono state abbandonate almeno dalla metà degli anni ’90.

Ritengo che una contaminazione, un contributo di persone che, forti di esperienze in altri mercati, portino una ventata di novità, “occhi nuovi” con cui approcciare problemi vecchi, expertise che adattato si puo’ tranquillamente applicare,  sia uno degli elementi essenziali per scardinare, in senso positivo, il sistema, ancora una volta al di là del mio caso personale.

Ringrazio Mario Calabresi, Marco Bardazzi e, ovviamente, Anna Masera, per la fiducia accordatami. Farò di tutto per apportare il mio contributo positivo alla scelta fatta da  «La Stampa».  Lasciatemi questa prima settimana di rodaggio e poi iniziate a giudicare. Lo spazio dei commenti e il mio account Twitter sono a disposizione per raccogliere idee, spunti e, se del caso, critiche.

branded hashtags

4 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal

Pre-emption DataMediaHub

Come anticipavo qualche giorno fa il 2014 deve essere, e sarà, l’anno del fare, dello sperimentare. Meno “chiacchiere” e più azione come, a modo suo, invitava a fare Elvis Presley.

Nasce oggi DataMediaHub. L’idea di fondo è quella di creare un hub sui media italiani e sul giornalismo, aggregando dati sul tema e presentandoli con una forma grafica interattiva che abbia un impatto visivo e, soprattutto, che aiuti la comprensione dei fenomeni.

L’ambito di intervento sarà relativo esclusivamente alla realtà italiana, eventuali dati ed analisi su media, comunicazione e giornalismi dall’estero saranno inseriti esclusivamente come elemento di raffronto con la realtà nazionale nostrana. Verranno inseriti tutti i dati relativi ai diversi media, agli investimenti pubblicitari ed al mondo dell’informazione nel senso più ampio del termine.

Le diverse visualizzazioni, oltre alla precitata interattività, si distingueranno per essere elemento di sintesi e di comprensione dei fenomeni. Ogni visualizzazione sarà sempre corredata da una introduzione metodologica “tecnica” su scelta del tipo di visualizzazione e da un commento, un’interpretazione del significato del dato. A questi elementi, sempre con cadenza giornaliera, si aggiungerà una rappresentazione iconica di fatti attinenti ai temi trattati.

In questa fase in un’ottica “web 2.0” chiederemo alle persone, a voi tutti, come strutturare il sito e, soprattutto, quali informazioni e che tipologia di visualizzazioni possano essere di loro interesse. A tale scopo, oltre ai consueti canali social, sarà aperta all’interno del sito un’area community per raccogliere idee, adesioni e, perchè no, critiche.

Oggi abbiamo caricato una breve pre-emption, una dichiarazione di intenti, sul tipo di lavoro che intendiamo fare, ed un assaggio del format grafico che avremmo pensato di adottare.

Dalla prossima settimana continuerà il work in progress, speriamo con il contributo di tutti coloro che vorranno collavorare al progetto, con l’apertura progressiva delle varie aree di DataMediaHub.

Se avete voglia di iniziare a dire la vostra sul progetto potette farlo attraverso Twitter, Facebook e, se non vi basta lo spazio, anche per posta elettronica. Ben [ri]trovati.

Casa DataMediaHub

7 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Personal

Contributoria

Vede ufficialmente la luce  con l’inizio del 2014 «Contributoria» una piattaforma per i giornalisti, dei giornalisti.

«Contributoria» è una piattaforma collaborativa di scrittura “peer-to-peer”. Il progetto editoriale, vincitore nel 2012 dell’ International Press Institute’s News Innovation Contest,  permette ai giornalisti di collaborare su tutti gli aspetti del processo di scrittura, tra cui la vendita, l’editing e la pubblicazione.

Il progetto è supportato dal Guardian Media Group con cui collaborano, o hanno collaborato in passato, i tre soci fondatori.

Nell’editoriale di lancio dell’iniziativa si legge:

Volevamo fare qualcosa, non solo parlarne. Abbiamo pensato che fosse il momento di provare un approccio completamente diverso, una combinazione di nuove tecnologie, nuovi metodi di lavoro e nuovi modelli di finanziamento.

Ecco è probabilmente questo, a mio modo di vedere, lo spirito giusto per il 2014. Meno tavole rotonde, meno convegni e “chiacchiere” e più realizzazioni e sperimentazioni. Il 2014 deve essere l’anno del fare.

Contributoria

Per quanto riguarda l’Italia, mossi da questo spirito, il sottoscritto ed un gruppo di altri quattro professional, con competenze diverse e complementari, si apprestano a lanciare un progetto editoriale di iconografie e visualizzazioni [im]mediatiche che vedrà la luce entro il primo trimestre dell’anno con anteprime, per consentire a coloro che lo desidereranno di collavorare [ancora una volta non è un refuso] al progetto, già la entro fine di di questo mese.

Come si suol dire, stay tuned.

6 commenti

Archiviato in Nuovi Prodotti Editoriali, Passaggi & Paesaggi, Personal

Io, il mio Cane e le Communities

Ieri sera tornato a casa dopo cena mi sono messo a giocare con Romeo, il mio cane [vedi foto], e distrattamente ho lasciato il cancello del giardino aperto e lui è scappato. Dopo aver provato a seguirlo a piedi l’ho perso di vista. Sono rientrato a casa sperando che tornasse ma questo non è avvenuto, allora ho preso la macchina ed ho iniziato a girare un paio di isolati alla sua ricerca. Niente, del cane nessuna traccia. Disperazione!

La persona che era in quel momento con me decide allora di postare sul gruppo Facebook “Sei di Cervia se…”, community che riunisce la bellezza di oltre 3300 persone che vivono qui, la foto del cane dicendo che appunto era scappato e se qualcuno lo avesse visto di avvisarci.

Dopo tre minuti è arrivata la segnalazione e otto minuti dopo un angelo, una ragazza, aveva il cane, ci dava il suo numero di telefono e correvamo a prenderlo dove era stato fermato [a oltre 2 km da casa, btw].

Romeo Sdraio

La base dell’esistenza delle community è lo scambio di informazioni sul nesso di coesione. Le informazioni sono un valore per la community.

All’interno di una community gli scambi e le condivisioni sono intensi fra quanti si riconoscono nella stessa passione o interesse. Vi è un forte senso di comunità e identificazione nel gruppo. Un unico simbolo affettivo stabilisce un solido nesso di connessione grazie al quale vi è un alto tasso di attivazione e partecipazione alle dinamiche della community.

Se avessi avuto un  dubbio sul tema la vicenda della, breve, fuga del mio cane lo conferma. Credo che le conclusioni, e le indicazioni operative che ne derivano siano scontate.

Communities Frog

PS: Ovviamente, GRAZIE alla persona che mi ha ritrovato Romeo alla quale troverò modo concreto di dimostrare la mia gratitudine nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal

Gamification sulla Carta

«Il Corriere della Sera», nella sezione, nella pagina che durante il mese di agosto molti quotidiani dedicano ai giochi, ha inserito, con cadenza giornaliera, un anagramma che si risolve se si sono letti con attenzione gli articoli pubblicati dal giornale di via Solferino nei giorni precedenti. Ad onor del vero esiste anche una versione in Rete, chiamata “Fatti & Misfatti della settimana. News Quiz” dove però si tratta semplicemente di una batteria di domande, 12, a risposta multipla.

Si tratta di format estremamente basici, tutti da espandere in termini di game design e dunque di coinvolgimento del lettore, che però rendono l’idea della possibilità di incentivare la profondità di lettura, e dunque il tempo speso sul sito se pensiamo alla versione online, attraverso la gamification dell’informazione.

Corsera Gamification

Sul tema della gamification, sabato scorso su D, l’inserto settimanale femminile di «la Repubblica», è stato pubblicato un articolo “La vita è un grande gioco”. Nell’articolo, partendo da un’intervista effettuata al sottoscritto recentemente da Elisabetta Murriti, che firma il pezzo, si fa un excursus sull’argomento affrontando, seppure inevitabilmente in modo divulgativo, l’applicazione della gamification ed il suo impatto sul’informazione, sul marketing ed anche sulla politica e la gestione delle risorse umane. Se siete neofiti dell’argomento, e vi interessa avere un primo panorama del tema, non posso che consigliarne la lettura.

Intervista D Gamification

– clicca per leggere –

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal