Archivi tag: doonesbury

Il Futuro dell’Informazione

I giornali nel nostro Paese, escludendo i locali che pure rappresentano nel loro insieme una realtà importante, sono sempre stati un prodotto di élite, consumati da una ristretta fascia della popolazione in una nazione, ahimè, di non lettori. Per quello che si riesce ad immaginare in futuro sarà sempre più così.

Sull’impatto che questo avrà sulla qualità complessiva dell’informazione la strip di Doonesbury non lascia dubbi. Amara ironia sulla quale riflettere in questi giorni tradizionalmente dedicati a ricaricarsi, abbinandovi la lettura di chi invece sostiene che il mondo non sia mai stato meglio informato e che siamo nell’era d’oro del giornalismo.

Doonesbury-newspaper-folded

3 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Informazione?

L’abbondanza di informazione in linea teorica è certamente un vantaggio poichè dovrebbe essere elemento di arricchimento. Ma è davvero così?

Danah Boyd, Senior Researcher per Microsoft Research e Research Assistant Professor in Media, Culture, and Communication alla New York University [e molto altro ancora], intervistata da News.me dice la sua sul tema. Intervista di cui non posso che consigliare la lettura integrale.

Riporto solo il passaggio conclusivo:

The public has access to information in unprecedented ways. Unfortunately, it has access to good information and access to shitty information. For me, the challenge is: How do you create media literacy? How do you get people to critically engage the news that’s available? These are issues we need to address, but the availability of information is still amazing. And I think that’s part of what’s so terrifying to people, that there’s so much information out there.

More information does not make a more informed population. We need to think about what it actually means to create a more informed society. We’re a long way away from that. But I don’t have some nostalgic lust for the past, because I don’t think we’ve ever been truly informed.

Stessa corrente di pensiero per Doonesbury nella striscia di domenica scorsa pungente ed efficace come d’abitudine.

Credo siano temi dei quali si discute troppo poco, forse troppo assillati dai modelli di business, dalla sostenibilità economica e dai ricavi calanti, o nulli, si rischia di perdere di vista il focus: cos’è informazione come si valuta la sua qualità?

Se il tema, come mi auguro, vi interessa, consiglio di partire da questo articolo pieno di rimandi per approfondire incluso un mio minimo contributo sulla questione pubblicato sul sito della Fondazione Ahref quest’estate.

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Il Post Punta sui Fumetti

All’interno del «Il Post» spiccava già la presenza di Makkox, disegnatore celebratissimo in rete, e di Isola Virtuale, digital designer altrettanto conosciuto e celebrato nel Web italiano.

Da ieri la testata all digital diretta da Luca Sofri ha acquisito i diritti di due strisce quotidiane cult per chi ama i comics: Doonesbury e Peanuts.

Tutto muta affinchè nulla cambi, si ritorna a concepire il quotidiano come un sistema di intrattenimento delle persone così come lo è stato per decenni con, appunto, le strisce di fumetti, i cruciverba e quant’altro.

La striscia di fumetti, contrariamente alle fotogallery, non solo attira ma fidelizza anche il lettore che ritorna quotidianamente per leggere la striscia del giorno.

«Il Post» punta sui fumetti, e fa bene.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali

Produzione di Notizie

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Extrema Ratio

I quotidiani, così come li abbiamo intesi sino ad oggi, stanno perdendo progressivamente il loro appeal.

Tre delle principali notizie apparse sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo sono state raccolte sulla base delle pubblicazioni online di Wikileaks.

La crescita delle audience on line ne ha aumentato visibilità ed influenza senza che però sia stato trovato un modello economico sostenibile a questa evoluzione.

In epoca di bilanci di fine d’anno, potrebbe essere questa l’ extrema ratio, la sintesi di questo 2010 per quanto riguarda i quotidiani.

Lascia un commento

Archiviato in Scenari Editoriali, Vendite Editoria

La Storia di una Generazione

Il 26 ottobre del 1970 è stata pubblicata la prima strip di Doonesbury su un quotidiano, da allora sono state pubblicate 14mila strisce.

Molti dei personaggi che sono stati affiancati nel tempo al protagonista del fumetto sono relazionati con il mondo del giornalismo e della comunicazione.

Si tratta certamente di un’imponente rappresentazione di come [almeno] una generazione ha vissuto, si è sentita, in questi 40 anni.

La conferma di come il processo narrativo dell’attualità possa passare per mezzi e modalità non convenzionali.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali