E’ la somma che fa il totale

Crisi dei quotidiani e degli editori continuano ad essere temi da prima pagina con frequenza pressoché giornaliera.

La necessità di recuperare redditività sta, tra l’altro, comportando il taglio di migliaia di posti di lavoro e la precarizzazione di almeno altrettanti nel settore.

Nel confronto in atto relativamente al pagamento delle notizie on line, oltre ad averne dimostrato l’inconsistenza, mi sono spesso chiesto del perchè di questo accanimento da parte degli editori su questo tema mentre al tempo stesso gli omaggi effettuati apparivano di dimensioni rilevati.

Fedele alla celebre massima di Antonio De Curtis, del quale sono tra i tanti grandissimo estimatore, “è la somma che fa il totale”, sono dunque andato a verificare la dimensione degli omaggi nell’ambito del mercato dei quotidiani.

Partendo dalla recente pubblicazione dei dati di diffusione per l’anno mobile terminante ad aprile 2009 ho avuto modo [potete controllare voi stessi ovviamente] di dare finalmente una dimensione a questa area della quale si parla e si scrive normalmente davvero poco.

Ho avuto così modo di constatare che [passatemi gli arrotondamenti nel rendiconto sottostante delle cifre] :

La diffusione media dei quotidiani nel nostro paese è di 5.193.000. Il calcolo è stato effettuato escludendo la diffusione di “E Polis” e prendendo a riferimento le diffusioni dei giorni della settimana – escluso il lunedì – per i quotidiani sportivi.

Il totale pagato ammonta a 4.759.000 copie delle quali circa 516.000 sono in abbonamento.

Per differenza si calcola che gli omaggi, le copie distribuite a vario titolo sul territorio nazionale gratuitamente, siano 433.000.

Circa il 10% delle copie che circolano sono dunque regalate dagli editori stessi. Se a queste aggiungiamo gli abbonamenti, poiché a tariffe normalmente estremamente agevolate rispetto al prezzo di copertina in edicola, arriviamo ad oltre il 18% di incidenza.

Saranno forse conti da salumiere – o meglio da giornalaio – ma mi pare che un recupero di una quota così rilevante di prodotto omaggiato possa potenzialmente fornire ampi spazi di recupero contributivo per gli editori al borde de un ataque de nervios [parafrasando Almodovar].

Prima di ipotizzare fantasiose soluzioni legate a meravigliosi e reader o altre ipotesi altrettanto velleitarie, consigliamo di verificare i conti sopracitati e di apportare i doverosi correttivi che dovrebbero garantire il recupero di milioni di euro di spesa e d mancato fatturato e, se d’interesse, la possibilità di qualche vendita in più in edicola.

Ads apr 09 giornalaio

A margine segnaliamo che “Il Resto del Carlino” omaggia oltre 4mila copie/die, caso mai Monti non avesse il dato ho ritenuto interessante fornirlo in maniera specifica al di là dell’analisi generale effettuata.

A titolo di curiosità, infine, “Il quotidiano della Basilicata” è il giornale meno venduto d’Italia con una diffusione di 3.860 copie delle quali 1.902 vendute; gli abbonamenti al quotidiano sono 10.

“Libero” è invece il quotidiano che presenta l’incidenza più alta nel rapporto tra tiratura e resa: tiratura 216mila copie, vendite 119mila, resa 96mila, omaggi 15mila; che sia perchè i contributi all’editoria sono sulla base delle tirature? Ai poster l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Archiviato in Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...