Racconto di Natale

Una saletta affittata in un luxury boutique hotel, un 4 stelle stelle davvero unico nel suo genere, un po’ fuori mano ma con caratteristiche da lasciare di stucco anche chi, per piacere e per dovere, di alberghi ne ha visti davvero tanti nella sua vita.

Sandro [nome di fantasia], più di 20 anni passati tra scrivania e marciapiede nelle file del marketing e delle vendite, vi era arrivato dopo essere stato contattato via Linkedin. Una sua amica, una persona con la quale era in contatto da diverso tempo, lavorava già da un annetto in una web agency ed ora cercavano un direttore commerciale.

L’ambiente era quasi surreale, molto hi tech, glaciale. Più che in un hotel sembrava di essere nel  caveau di una banca o forse in una di quelle stanze a temperatura contrallata dove vengono custoditi i server. Un posto davvero strano, Sandro si guardava intorno smarrito, incerto, osservava l’ambiente con un sentimento misto tra meraviglia e repulsione.

Nella saletta che dava nell’ampio e luminoso ingresso dell’albergo c’era una coppia, un uomo ed una donna, giovani.

“Buongiorno e ben arrivato. Grazie di essere venuto. Si accomodi, prego” disse lei. Sandro prese posto, l’uomo, “un ragazzotto” di quelli che sotto gli abiti firmati all’ultima moda cercano di nascondere le proprie origini, alla sua destra, di fronte lei, la donna, tipo fine, forse con troppi gioielli addosso, dai tratti del viso tradiva una certa rigidità avrebbero detto gli esperti di fisiognomica.

“Siamo una start up, fondata un anno fa,vogliamo fare le cose per bene.  Il primo anno è andato bene e siamo già a pareggio di bilancio, sà siamo una SPA”, ci tenne a sottolineare subito l’uomo. “Abbiamo 11 agenti e sin ora me ne sono occupato io”, continuò, “ma ora vogliamo espanderci, arrivare a coprire tutta Italia e per questo cerchiamo un direttore commerciale, una persona di esperienza che abbia il presidio di quest’area dell’azienda, così potrò, finalmente fare l’Amministratore Delegato a tempo pieno” concluse, non senza far trasparire il proprio orgoglio mentre ne parlava.

A quell’incontro, come succede sempre in questi casi, ne seguirono altri e, alla fine, Sandro, nonostante un penoso mercanteggiamento sulle condizioni economiche, decise di accettare.  Si a lui, anche se non era più giovanissimo, le sfide piacevano ancora, gli piaceva l’idea di mettersi in gioco e dare il suo contributo alla riuscita di un progetto imprenditoriale, al raggiungimento di un successo.

Bastarono pochi giorni di lavoro per capire che i numeri citati in fase di colloquio erano distanti dalla realtà e meno di un paio di mesi per stabilire che il percorso e gli obiettivi erano da rivedere, da ridefinire sia in  termini di curva di sviluppo che a livello di approccio strategico.

Sandro, com’era abituato a fare da sempre nel suo lavoro, al termine del terzo mese scrisse un documento di analisi. Una fotografia della situazione del primo trimestre, problemi, difficoltà e, ovviamente, proposte di soluzione. Lo rilesse un paio di volte, smussò qualche eccesso cercando di ammorbidire se non la sostanza almeno la forma e lo mandò per mail all’Amministratore Delegato e, per conoscenza, alla Responsabile Amministrativa, la donna, partner con una quota di minoranza della società. “Vi prego di considerare il documento allegato una base di discussione, elemento di confronto fattivo che spero di avere al più presto”  c’era scritto in calce alla mail come accompagnamento.

Il confronto, per così dire, avvenne solo a distanza di oltre 40 giorni nella sala colazioni di un albergo romano dove si erano recati per fare delle selezioni di agenti per la zona. Sandro parlava e lui, il ragazzotto-ceo-salumiere, annuiva mentre tutta la sua attenzione era dedicata all’inizializzazione del nuovo iPhone.

Dopo quell’incontro le relazioni inevitabilmente si affievolirono, Sandro, pur con riserve sempre maggiori, continuava nel suo lavoro per quanto possibile ma le telefonate da giornaliere si fecero prima settimanali e poi cessarono per addirittura due settimane consecutive.

Dopo un periodo così lungo di silenzio Sandro decise di mettere da parte l’orgoglio e di chiamare lui, la situazione andava sbloccata. Si c’era un incontro fissato già a fine mese ma era passato così tanto tempo che… e poi voleva sapere che ne era stato del suo compenso, in ritardo, anche, questa volta. Il telefono squillava a vuoto, lui, il CEO, era sempre così occupato, anche se non aveva mai capito a fare  cosa  Sandro ci si era abituato. Mandò l’ennesima e-mail.

Gli fu risposto, in buona sostanza, che i rapporti erano interrotti, che non lavorava più per quella società e che non sarebbe stato pagato.

Sono passati circa 6 mesi da allora e l’avvocato l’ha informato ieri che il suo omologo della controparte, della società in questione, dice che non hanno i soldi per pagare, che bisogna avere pazienza ancora un po’, che pagheranno [il 30% del dovuto] appena possono.  Sandro ha detto al suo avvocato di non aspettare più e di procedere legalmente per il recupero nelle opportuni sedi del totale della somma sperando che i tempi della giustizia non siano eccessivamente dilatati, in queste cose non si sà mai quando e come  va a finire.

Una storia che ho voluto raccontare, uscendo da i temi normalmente trattati in questi spazi, per narrare come spesso funzionano le cose in questo Paese, nazione dei doveri e dei diritti sulla carta in cui il furbo sfrutta le pieghe dell’inefficienza statale per prevaricare il prossimo. Sono cose che, ahimè, succedono molto più spesso di quanto si pensi.

Una buona coscienza è un Natale perpetuo – Benjamin Franklin. Buon Natale a voi tutti tranne a chi è senza coscienza.

2 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

2 risposte a “Racconto di Natale

  1. aiace96

    non hai idea di quante siano le storie come questa. di come i tempi della giustizia deprimano e rendano più pesante il recupero di quanto dovuto, di come sia difficile far valere i propri diritti ancor prima di cominciare a lavorare (il contratto arriva, sempre, dopo), di come sia stancante emotivamente e fisicamente dover affrontare ogni volta l’incertezza. Buon Natale

  2. L’ha ribloggato su Acquerelloe ha commentato:
    Mi è piaciuto molto questo articolo, rende bene l’idea della falsità e dell’ipocrisia, pure della disonestà che circola nel nostro paese. Finchè queste persone possono comportarsi così spudoratamente non avremo mai una nazione seria e capace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...