Contaminazioni

Due ricercatori della Cornell University hanno valutato i mood positivi e negativi degli utenti di Twitter, raccogliendo, nel corso di 24 mesi, 509 milioni di Tweet, messi sul social network da 2 milioni e mezzo di utenti, appartenenti a 84 paesi identificando così lo stato dell’umore dei microblogger.

«The New York Times», nel riportare la notizia, sia nell’edizione online che nella versione cartacea ha utilizzato un emoticon, quelle che normalmente chiamiamo “faccine”, nel titolo dell’articolo inserendo il simbolo del sorrriso invece della parola per indicare lo stato d’animo, l’umore appunto, delle persone.

Anche se pare che non sia la prima volta che i giornali tradizionali adottano il linguaggio di sms, chat, ed ora social network, è il primo caso in cui un emoticons viene addirittura inserita nel titolo di un quotidiano internazionale.

Se da un lato resto incerto sul valore dell’opportunità di tale utilizzo, dall’altro si tratta indubbiamente della più viva testimonianza dell’influenza, della contaminazione di linguaggi tra media tradizionali e social media.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Una risposta a “Contaminazioni

  1. Pingback: LSDI : Arrivano le emoticon nei titoli del NYT

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...