Archivi tag: social media marketing

I 24 Social con il Maggior Numero di Utenti Attivi

Business Insider, testata all digital della quale in Italia si parla troppo poco e che invece rappresenta una case study da seguire con attenzione, ha pubblicato l’estratto di un rapporto, disponibile solo a pagamento, di censimento ed analisi di social media e social network nel mondo.

All this technology is making us antisocial

Il Grafico sottostante sintetizza i risultati della ricerca per quanto riguarda il numero di utenti attivi per ciascuno dei 24 social presi in considerazione.

Se Facebook si conferma il social network più popoloso del pianeta non mancano dati d’interesse, in particolare per le aziende che non operano solo nel mercato domestico, in Italia, essendo attive a livello internazionale.

Tra i primi 10 spiccano 3 piattaforme di messaggistica: WhatsApp, Line e WeChat. A tale proposito, proprio una decina di giorni fa vedevo come una mia amica interagiva in un gruppo su WhatApp per attivarsi, e coordinarsi con le proprie venditrici, per i prodotti di una multinazionale della cosmesi professionale; c’è da rifletterci con attenzione.

Twitter, la piattaforma di microblogging che di tanta fama ed onore gode, è solamente al nono posto, dietro a due delle tre precitate piattaforme di messaggistica  e ad altri social media che godono di notorietà ed attenzione decisamente inferiori. Uno per tutti Tumblr.

Foursquare è nella parte bassa del censimento con soli 40 milioni di utenti attivi nel mondo. La conferma, se ce ne fosse stato bisogno, che pointification  e badgification sono solo una parte del game design, della gamification, se si vuole dare un senso e coinvolgere gli utenti, le persone.

Business Insider infine segnala come tra i principali social network sia Linkedin l’unico a non essere bloccato dalle autorità cinesi. Altra indicazione non trascurabile per chi opera a livello internazionale; non solo per il B2B, direi.

Largest Social Network in the World

5 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Lo Strapotere di Facebook per i Mensili Italiani

Dopo l’analisi sui principali quotidiani italiani ne ho effettuata una identica su come si comportano i periodici del nostro Paese su social network e social media.

La desk research è stata effettuata per la versione online dei primi dieci mensili, con una versione cartacea, per numero di utenti unici nel giorno medio secondo la rilevazione del settembre 2013 di Audiweb.

I risultati sono stati pubblicati ieri su «Wired» in un mio articolo di analisi e commento relativamente a quanto pare emergere.

Vi anticipo soltanto che è davvero strabiliante verificare come pubblicazioni che trattano di moda, stili di vita o motori pare non abbiano nulla da dire e/o tempo per farlo. Un’occasione sprecata a prescindere dal traffico che si ritiene di poter attirare da questo canale, qualunque che sia l’ipotesi di lavoro.

Buona lettura.

AdBuster

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Click & Strumenti

Lo strumento utilizzato per la desk research, che tanto interesse, e tante mail nella mia casella di posta elettronica, ha generato è SimilarWeb.

Il tool,  che ha una versione “light” gratuita ed una “pro” a pagamento,  consente di effettuare delle ricerche ad hoc per il dominio di proprio interesse, come è stato il mio caso, o di visualizzare i risultati per categoria, auto, giochi, sport…etc., e per nazione. E’ possibile anche installarlo, così da averlo sempre a portata di mano, come estensione, come “add-on” per Chrome e Firefox.

Lo strumento è stato utilizzato, o citato, da alcune delle principali testate internazionali quali Bild, The Guardian, The Wall Street Journal, Yahoo News e Tech Crunch. Anche se ovviamente non fornirà mai gli stessi dati corrispondenti a quelli interni aziendali la metodologia di raccolta dei dati appare poter garantire un buon grado di affidabilità complessiva.

Nella versione gratuita in pochi istanti fornisce un rapporto, liberamente scaricabile in formato PDF, che si articola in sette pagine: una prima riassuntiva dei principali risultati, una relativa alla provenienza geografica del sito preso in esame, una con il dettaglio dei referrals in entrata ed in uscita dal sito, una relativa alla search con il dettaglio per prime dieci parole chiave organiche e quelle, se del caso, a pagamento. Anche per i social viene fornita l’incidenza percentuale dei primi 5 rispetto al totale del traffico generato verso il sito web analizzato ed infine le ultime due relative al traffico proveniente da campagne display eventualmente effettuate nonché un riassunto degli interessi per argomento e dei principali siti web, oltre a quello preso in considerazione, visitati.

Ansa SimilarWeb

Che lo strumento abbia una sua validità, a mio avviso, viene confermato anche da una ricerca simile a quella effettuata dal sottoscritto, relativa al click-through da Twitter verso alcune testate del Regno Unito.

I dati pubblicati sono molto simili a quelli delle testate prese in considerazione dalla mia desk research confermando come il newswire per eccellenza favorisca il “news-snacking”, la visione del titolo della notizia, magari abbondantemente ritweetatata, senza la lettura dell’articolo.

Ancora una volta, buon lavoro.

GB Press TW

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Social, SEO, Visite Dirette & Refferrals dei Quotidiani Online Italiani

Dopo la pubblicazione di venerdì della desk research sul traffico proveniente dai social per i principali quotidiani online italiani, sia sulla mia bacheca personale di Facebook che all’interno di “Indigeni Digitali”, gruppo di discussione tanto numeroso quanto qualificato, da parte di diverse persone è stata effettuata la richiesta di vedere anche i valori assoluti e non soltanto le percentuali.

La tesi sostenuta è che le percentuali non mostrassero i rapporti di forza delle varie testate poiché, ad esempio, il 20% di 30mila utenti unici è molto meno del 9% di 300mila utenti unici.

Mi sono armato di pazienza, e di calcolatrice, ed ho cercato di soddisfare la richiesta. Oggi i dati con i valori assoluti integrati anche con i dati di visite dirette e referrals che il 22 ultimo scorso non erano stati pubblicati per tutte le testate prese in considerazione.

Per il calcolo sono stati presi i dati Audiweb a settembre 2013 – ultimo dato disponibile ad oggi – e sono state applicate le percentuali indicate dallo strumento [ɸ] utilizzato per l’analisi.

Per quanto riguarda Repubblica.it agli utenti unici indicati da Audiweb sono stati sottratti 91.491 utenti unici di Tom’s Hardware, a Il Post 95.641 utenti unici di Soldionline net e 31.626 di FilmTV ed a Lettera43 151.317 utenti unici di circuito local affiliati per raccolta adv, poiché tali valori se per Repubblica.it hanno un peso relativamente basso per le altre due testate avrebbero generato una distorsione nella lettura dei dati.

Personalmente credo che i valori assoluti [vd tavola sottostante] aggiungano poco o nulla, se non soddisfare il “celolunghismo” di qualcuno o, nella migliore delle ipotesi, avere funzione di promemoria per chi non li avesse presenti, anzi forse, al contrario, dicono meno delle incidenze percentuali che invece sono un riferimento omogeneo per tutte le testate prese in esame.  Come mi scrive l’amico Vincenzo Cosenza, con il quale mi sono confrontato su valore e significato dei dati, il discorso da fare alla base è che non esiste la metrica definitiva “silver bullett”. Ognuna offre un punto di vista della storia. Ecco perchè vanno tutte valutate congiuntamente per avere il quadro completo di ciò che funziona e di cosa fanno i lettori.

Analisi Social Quotidiani Online Italiani Valori Assoluti

Proprio per offrire un quadro il più completo possibile, partendo dai valori assoluti del traffico proveniente dai social ho voluto ulteriormente approfondire l’analisi incrociando il dato con il numero di fans su Facebook e dei followers su Twitter [ᵹ].

Nella tavola sotto riportata vi sono dunque la stima degli utenti unici che provengono da social ed il dato di rapporto, di incidenza percentuale, tra questi ed il numero di fans e followers. A titolo esemplificativo, se Fanpage ha 235mila accessi da social e per questa testata Facebook pesa il 99.8% del totale del traffico da social risultano oltre 234mila provenienti da “casa Zuck” che rappresentano il 10.9% del totale dei fan della testata in questione.

Dall’analisi emerge come sia La Stampa.it il quotidiano che ha il miglior rapporto [quasi 1:4] tra fans ed accessi al proprio sito, mentre “fanalino di coda” è Il Fatto online con solo il 2.4% che visitano il sito dell’oltre 1,1 milioni di fans.

Per quanto riguarda Twitter il rapporto tra numero di followers e visite, come in qualche modo lasciava già intuire l’incidenza percentuale pubblicata venerdì, è assolutamente marginale. La testata che miglior risultato ottiene – si fa per dire – è Linkiesta all’1%.

Il newswire per eccellenza parrebbe dunque favorire il “news-snacking”, la visione del titolo della notizia, magari abbondantemente ritweetatata, senza la lettura dell’articolo. Si tratta di un aspetto assolutamente non trascurabile.

Emerge fondamentalmente come, ad eccezione di Repubblica e Fanpage, per tutte le altre testate il traffico dai social sia assolutamente marginale e come non vi sia assolutamente una correlazione diretta tra la numerosità di fans e followers ed il numero di accessi al sito della testata.

Probabilmente, come emergeva dal confronto con Andrea Iannuzzi, direttore dell’AGL, l’Agenzia Giornali Locali del Gruppo Editoriale L’Espresso, non è questo il risultato che una testata si deve attendere dalla propria presenza all’interno dei social contrariamente a quella che è l’opinione più diffusa.

Altrettanto probabilmente [ritengo più corretto relativizzare], in assoluto non sono queste le metriche da tenere in considerazione ed analizzare per valutare l’efficacia della propria presenza sui social.

Se l’engagement, il livello di convolgimento, come scrivevo in estrema sintesi ieri, si misura sulla base del time spending e dell’impegno e della partecipazione che richiede, immagino possano essere questi parametri da considerare.

Credo sia necessario segmentare per cluster, attraverso gli appositi strumenti di social network analysis, le persone [fans e followers] per analizzare quali siano più attivi, che tipologia di argomenti prediligano, se siano, o meno, maggiori lettori per quantità di articoli e per profondità di lettura, per tempo speso sul sito, e molto altro ancora.

Ecco, forse, questo mio lavoro potrebbe servire proprio a questo, a convincere i più ostinati, quelli del social media marketing “de noantri”, che l’equazione contenuti facili/tanti like-condivisioni/tanto traffico è come la corazzata potemkin. Se così sarà avrò investito bene il tempo dedicato a raccolta ed elaborazione dei dati.

Comment is free. Buon lavoro.

Analisi Social Quotidiani Online Italian In Depth

Per approfondire ulteriormente il tema, due consigli di lettura:

– “I giornali online e la dipendenza da Facebook”, buona sintesi di Vincenzo Marino per l’International Journalism Festival delle evidenze dalle ricerche statunitensi sul tema.

– “Quello che i mi piace e i retweet non rivelano sulle notizie”, che conferma l’assenza di una correlazione diretta ed univoca tra numero di condivisioni e click, come emerge dalla mia desk research.

[ɸ] Lo strumento utilizzato per la desk research, che tanto interesse, e tante mail nella mia casella di posta elettronica, ha generato è:_______ Se vuoi provare ad indovinare lo spazio dei commenti è a disposizione, anche, per questo [consideriamola una forma primordiale di gamification]. Altrimenti ti chiedo solo un po’ di pazienza. Domani pubblicherò un articolo specificatamente dedicato al tool usato

[ᵹ] Il numero di fans su Facebook e dei followers su Twitter è quello pubblicamente disponibile al 23.11 scorso

[*] Utenti unici Repubblica al netto di 91.491 utenti unici di Tom’s Hardware, come indicato da Audiweb

[#] Utenti unici Il Post al netto di 95.641 utenti unici di Soldionline net & 31.626 di FilmTV, come indicato da Audiweb

[§] Utenti unici Lettera43 al netto di 151.317 utenti unici di circuito local affiliati per raccolta adv, come indicato da Audiweb

NB: Gli utenti unici Audiweb inseriti sono quelli del giorno medio, non mensili.

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Engagement [In Breve]

Una delle slide dalla presentazione realizzata per un corso di formazione che ho tenuto la scorsa settimana.

Misurazione Engagement

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Quanto Pesano i Social per i Quotidiani Online Italiani

Si parla, e come sempre si straparla, del ruolo di social media e social network per le testate d’informazione.  Allo stato attuale vengono utilizzati prevalentemente come megafono, come amplificatore per ottenere traffico al sito web.

Ma quanto è il traffico generato per ogni testata dai social? E’ proprio su questo aspetto che ho concentrato la mia analisi [#].

Tra le testate che hanno una versione cartacea ho preso in considerazione Corriere.it, Repubblica.it, Stampa.it, IlSole24Ore.com, IlFattoQuotidiano.it, Liberoquotidiano.it e IlGiornale.it. A questi ho ritenuto interessante aggiungere cinque testate all digital: Linkiesta, Il Post, Lettera43, Fanpage  e HuffPost Italia.

Per ciascuna testata sono riportati i risultati degli ultimi tre mesi relativamente a bounce rate, peso della search sul totale delle visite con distinzione tra organica ed a pagamento [che si ottiene per differenza con il totale], il peso dei social, appunto, sul totale delle visite e la spaccatura tra i principali ed anche il traffico che arriva da display ads, dalla pubblicità online effettuata [quando effettuata, ovviamente].

Tra i dati non riportati nella tabella di sintesi dei risultati, è opportuno evidenziare come per HuffPost Italia i referrals pesino ben il 42.53% del totale. Un incidenza straordinariamente più elevata di tutte le altre testate prese in considerazione con Repubblica.it che pesa il 90% del totale. Ovvero la presenza nella home page di Repubblica.it vale oltre un terzo [38%] del totale delle visite al quotidiano diretto da Lucia Annunziata.

La testata che ha il maggior numero di accessi diretti è Il Fatto con il 55.45% del totale, segno di una buona fedeltà alla testata. Per contro il livello più basso è di Fanpage che ha solo 8.44% di accessi diretti. Nel complesso, escludendo Lettera43, tutte le testate all digital hanno un incidenza degli accessi diretti che è meno della metà di quella della versione online dei giornali tradizionali.

Corriere.it è la testata con il minor traffico dai social con un incidenza di meno del 3% sul totale delle visite, all’estremo opposto Fanpage che attira quasi il 78% del totale delle visite in questo modo. Nel complesso per le testate all digital, ad esclusione di Lettera43, i social hanno un peso eccezionalmente più elevato che per i quotidiani che hanno l’equivalente versione cartacea.

Tra i social si conferma lo strapotere di Facebook che genera sempre intorno al 90% del totale del traffico che arriva da questi canali. Il Post “leader” su Twitter con oltre 11% del traffico dalla piattaforma di microblogging.

Sono sempre le testate all digital ad avere il maggior tasso di rimbalzo con Linkiesta addirittura al 70%. Le persone arrivano sul sito dai social e “scappano via”. E’ evidente che si impone una riflessione.

Infine, è IlSole24Ore ad avere il maggior peso di visite da motori di ricerca, mentre Repubblica è la testata online, tra quelle considerate, che maggior traffico riceve da diplay ads, le cui percentuali sono comunque infinitesimali.

Analisi Social Quotidiani Online Italiani

Almeno la prossima volta che verrò, incautamente, invitato come relatore a parlare di questi temi ci confronteremo su fatti, su dati, e non sulle, pur sempre rispettabilissime, opinioni. Buon lavoro.

[#] Per l’analisi è stato utilizzato un tool professionale che ha anche una versione “light” gratuita. I dettagli sullo strumento utilizzato, ed altri parametri non riportati nella tavola di sintesi dei risultati della desk research svolta, sono a disposizione su richiesta alla mia casella di posta elettronica.

11 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Twitter è come un Giornale, Secondo Twitter

TwitterGuide è il nuovo account ufficiale creato ad inizio ottobre, evidentemente sulla scorta del fatto che per molti la piattaforma di microblogging resta criptica, di difficile comprensione ed utilizzo, come confermato da una recente ricerca effettuata da Reuters/Ipsos.

La scorsa settimana ha diffuso un video che spiega cosa sia Twitter, secondo Twitter, breve guida a cosa sia la piattaforma di microblogging da 140 caratteri. Nel video si paragona ad un giornale evidenziando i vantaggi rispetto al format ed alle caratteristiche di un quotidiano.

PeerReach, in occasione della quotazione in borsa ha diffuso alcuni dati davvero interessanti sulla penetrazione di Twitter in 23 diverse nazioni del mondo, Italia compresa.

Dai dati pubblicati si conferma la difficoltà di utilizzo con solamente 3 milioni di account, di persone, tra i 90 milioni di nuovi utenti negli ultimi 3 mesi, che sono diventati utenti attivi mentre il 56% che non ha mai tweetato dall’iscrizione in poi.

Le prime cinque nazioni per penetrazione di Twitter, per rapporto di utenti iscritti rispetto a coloro che utilizzano la Rete, sono di lingua non anglosassone; si tratta di Arabia Saudita, Indonesia, Spagna, Venezuela e Argentina.

Per quanto riguarda specificatamente il nostro Paese, secondo PeerReach la penetrazione è del 5% del totale. Prendendo a riferimento i dati sugli utenti attivi nel mese di Audiweb si tratterebbe di 1,4 milioni di persone. Se Twitter, come sostiene, è un giornale, in meglio, la sua fruizione per quanto riguarda l’Italia riguarda una ristretta minoranza, un élite di persone.

Siamo infine la nazione nella quale l’età media di chi ha un account sulla piattaforma di microblogging è la più elevata in assoluto [32 anni] ed infatti, per contro, siamo tra le nazioni con il minor numero di teenagers che lo utilizzano con una penetrazione del 22% contro l’87% delle Filippine o il 53% della Francia.

- clicca per accedere alla versione interattiva -

– clicca per accedere alla versione interattiva –

 A margine, si segnala che da ieri Twitter ha introdotto nuove funzionalità nella search.

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Social Media Marketing “De Noantri”

Dopo che il mese scorso è stato pubblicato il content marketing de noartri è oggi la volta del social media marketing de noartri [chissà mai che diventi una rubrica fissa con cadenza mensile].

Lo spunto viene dalla pagina Facebook del quotidiano del Nordest «Il Gazzettino» [*]  che, come riporta anche la classifica mensile realizzata da Blogmeter, sta scalando la classifica dell’engagement in casa Zuckerberg e al momento della redazione di questo articolo ha un PTAT – persone che ne stanno parlando –  del 35.8%.

Molto bene dunque parrebbe. E invece, a mio avviso, assolutamente no.

Per fare questo “risultato” sulla pagina Facebook del quotidiano in questione da qualche mese vengono caricati contenuti che nulla hanno a che vedere con l’identità del giornale. Ad esempio uno dei post con il maggior numero di condivisioni, altro parametro di engagement, di ieri è questo sottoriportato.

Gazzettino

La pagina Facebook viene alimentata con una frequenza davvero elevata ed i contenuti quali quello sopra riportato come concreta esemplificazione si sprecano. Cosa che invece non avviene su Twitter dove invece il quotidiano mantiene maggior rigore e identità.

Si tratta della più amara delle evidenze della sopraffazione dell’informazione spettacolo sulla qualità giornalistica, dell’effetto auditel [adattato alla realtà nostrana] dettato dalla rincorsa, tanto spasmodica quanto scomposta, al recupero delle revenues inseguendo le pagine viste ad ogni costo anche a quello di snaturare l’identità, e dunque il valore del brand, della testata.

Ma funziona almeno? Dalla mia analisi parrebbe di no.

La storia che ottiene il massimo tasso di engagement nell’ultima settimana, tra quelle con elementi multimediali [foto e video], con 1565 “mi piace”, è relativa ad una storia d’amore tra due anziani di Treviso, del territorio nel quale il quotidiano è storicamente radicato.

Anche a livello di click non sembra che questo tipo di politica di informazione spettacolo su Facebook paghi come mostra il grafico degli outbound posts, confermando come i like non siano voti nè propensione all’acquisto.

Il social media marketing de noartri serve solo a svaccare, a intaccare pericolosamente la reputazione del brand della testata. Sapevatelo!

Gazzettino Outbound

[*] Il caso de «Il Gazzettino» è stato preso solo come esempio di pratiche tanto diffuse quanto inopportune.

6 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Il Consumo di Informazione nei Social

The Pew Research Center’s Journalism Project a fine ottobre aveva rilasciato i risultati di “The Role of News on Facebook” e solo pochi giorni fa era stato pubblicato il profilo socio-demografico degli statunitensi che consumano notizie, fruiscono d’informazione, attraverso Twitter.  Arrivano ora i risultati di un indagine trasversale al consumo di informazione nei diversi social network e social media che oltre a Facebook e Twitter ha analizzato anche YouTube, Google Plus, LinkedIn , Tumblr, Instagram e molti altri ancora.

L’indagine è stata effettuata nella ultima decade di agosto da GFK per conto di  Pew Research e vedendo metodologia e campione i dati per i dati per Pinterest, Instagram, Tumblr, MySpace, Reddit e Vine non sembrano molto affidabili mentre per gli altri social presi in considerazione il margine di errore statistico varia dal 3.3% di Facebook al 10.3% di Linkedin, in funzione della dimensione del campione fondamentalmente, rendendo i risultati sufficientemente rappresentativi del totale della popolazione statunitense.

Sono quattro, a mio avviso, le evidenze interessanti risultanti da quanto pubblicato ieri. In sintesi:

1) La definizione di cosa sia notizia, informazione: “News is defined as “information about events and issues that involve more than just your friends or family” [informazioni su eventi ed istanze che coinvolgono non solo i tuoi amici o familiari].

2) Mentre per gli altri social media/social network la quota di coloro che consumano notizie – così come definite al punto 1 – è assolutamente marginale, sia per Facebook che per Twitter il 50% degli iscritti sono interessati, e consumano, informazione.

Social-media-as-a-pathway-to-news

3) C’è una bassa sovrapposizione tra i diversi social nel consumo di notizie. Il 65% del totale riceve notizie solo da un social network/media ed il 26% da due. Il 91% dunque ottiene informazione da massimo due fonti, due canali. La maggior sovrapposizione è tra Twitter e Facebook con il 71% degli utenti della piattaforma di microblogging da 140 caratteri che ottiene informazioni anche attraverso la finestra di casa Zuckerberg.

4) La percentuale di coloro che fruiscono d’informazione su via Twitter in mobilità è la più elevata di ogni altra piattaforma presa in esame. Forse siamo davvero al “news-snacking” e non sorprende che la percentuale di utenti che visitano i siti web delle testate sia in rapporto di 1 a 10 a favore di Facebook. Probabilmente non è solo una questione di valori assoluti, di numero di persone iscritte.

Social_traffic_sources

3 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Io, il mio Cane e le Communities

Ieri sera tornato a casa dopo cena mi sono messo a giocare con Romeo, il mio cane [vedi foto], e distrattamente ho lasciato il cancello del giardino aperto e lui è scappato. Dopo aver provato a seguirlo a piedi l’ho perso di vista. Sono rientrato a casa sperando che tornasse ma questo non è avvenuto, allora ho preso la macchina ed ho iniziato a girare un paio di isolati alla sua ricerca. Niente, del cane nessuna traccia. Disperazione!

La persona che era in quel momento con me decide allora di postare sul gruppo Facebook “Sei di Cervia se…”, community che riunisce la bellezza di oltre 3300 persone che vivono qui, la foto del cane dicendo che appunto era scappato e se qualcuno lo avesse visto di avvisarci.

Dopo tre minuti è arrivata la segnalazione e otto minuti dopo un angelo, una ragazza, aveva il cane, ci dava il suo numero di telefono e correvamo a prenderlo dove era stato fermato [a oltre 2 km da casa, btw].

Romeo Sdraio

La base dell’esistenza delle community è lo scambio di informazioni sul nesso di coesione. Le informazioni sono un valore per la community.

All’interno di una community gli scambi e le condivisioni sono intensi fra quanti si riconoscono nella stessa passione o interesse. Vi è un forte senso di comunità e identificazione nel gruppo. Un unico simbolo affettivo stabilisce un solido nesso di connessione grazie al quale vi è un alto tasso di attivazione e partecipazione alle dinamiche della community.

Se avessi avuto un  dubbio sul tema la vicenda della, breve, fuga del mio cane lo conferma. Credo che le conclusioni, e le indicazioni operative che ne derivano siano scontate.

Communities Frog

PS: Ovviamente, GRAZIE alla persona che mi ha ritrovato Romeo alla quale troverò modo concreto di dimostrare la mia gratitudine nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal