Archivi tag: rappresentazioni della notizia

Modelli di Business tra le Nuvole

Apple ha lanciato ieri un nuovo sistema, un nuovo modello di sottoscrizione per i contenuti ed i prodotti realizzati in ambito editoriale.

“Our philosophy is simple—when Apple brings a new subscriber to the app, Apple earns a 30 percent share; when the publisher brings an existing or new subscriber to the app, the publisher keeps 100 percent and Apple earns nothing,” said Steve Jobs, Apple’s CEO. “All we require is that, if a publisher is making a subscription offer outside of the app, the same (or better) offer be made inside the app, so that customers can easily subscribe with one-click right in the app. We believe that this innovative subscription service will provide publishers with a brand new opportunity to expand digital access to their content onto the iPad, iPod touch and iPhone, delighting both new and existing subscribers.”

La novità, attesa da tempo, ha scatenato innumerevoli reazioni, commenti e considerazioni relativamente al senso di questa operazione da parte della stampa e di blogger che hanno diffusamente proposto la loro visione sul tema.

Le mie personali considerazioni su quella che ho definito tabletmania credo siano sufficientemente chiare, non posso dunque che concordare con la posizione espressa da Dan Gillmor relativamente ad arroganza dell’impresa di Cupertino ed ai principi estorsivi che nessun editore dotato di buon senso dovrebbe accettare.

Indipendentemente dalla mia visione, per fornire un panorama informativo il più ampio possibile, affinchè ciascuno possa farsi una propria opinione dopo la lettura delle diverse fonti, utilizzando  Infomous ho realizzato una nuvola interattiva che sintetizza e fornisce accesso diretto ad oltre 500 articoli sul tema.

Se successivamente alla lettura delle informazioni selezionate voleste [ri]tornare per proporre e discutere la vostra visione, non potrà che essere un ulteriore arricchimento alla disamina del caso.

clicca per accedere alla versione interattiva

4 commenti

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Mappatura della Crisi Egiziana

The CrisisMapper ha condiviso su Twitter diverse mappe della rivolta egiziana in corso nell’ultima settimana, lista alla quale ho aggiunto quanto trovato dal sottoscrittto per fornire un elenco il più completo possibile.

Cliccando sulle immagini, sugli screenshot, avrete accesso alle mappe interattive originali sotto riportate.

Per chi volesse approfondire il tema del “crisis mapping”, della mappatura delle crisi, credo che il sito dell’ Harvard Humanitarian Initiative sia il punto di partenza ideale.

Esri, impresa privata statunitense che fornisce sistemi d’informazione geografica, ha realizzato quella che, a mio avviso, è probabilmente la più interessante tra  tutte poichè integra la localizzazione dei video caricati su YouTube, le foto condivise su Flickr e, naturalmente, i teewts.  La realizzazione rappresenta anche un’ottimo esempio indubbiamente di come dimostrare il proprio expertise in ambito social.

ANHRI, The Arabic Network for Human Rights, fonte informativa da seguire in questi giorni, ha realizzato la Jan 25th CrowdMap. Mappa che, come suggerisce il nome, viene aggiornata grazie ai contributi degli utenti.

Il Guardian pubblica una mappa generale che visualizza i punti e i momenti della rivolta in tutta la penisola araba ed il dettaglio di quelli in Egitto.

Anche le edizioni online del Los Angeles Times e del New York Times hanno prodotto la loro versione delle mappe della crisi in corso.

[Via]

5 commenti

Archiviato in Nuovi Prodotti Editoriali

Questa è una Notizia Interattiva, Punto!

Il New York Times ha creato Innovation Portfolio, spazio di interazione di straordinario interesse sotto il profilo editoriale sia in termini di rappresentazione della notizia che in chiave di offerta pubblicitaria.

Come viene spiegato in apertura della pagina d’inizio del percorso, Innovation Portfolio è una raccolta, tratta dalla nostra newsroom [del NYT], dei migliori percorsi interattivi concepiti per ispirare, facilitare, la conversazione relativamente allo storytelling ed al processo di comunicazione pubblicitaria.

Dopo la premessa di spiegazione si viene immersi, oserei dire travolti, positivamente, in una moltitudine di possibili percorsi che sono quasi impossibili a spiegarsi e che non posso che suggerire di provare.

Ho pensato di proporre alcune videate che illustrassero in parte il funzionamento.

La prima è relativa all’apertura generale, mentre le successive sono inerenti possibili  scelte che il singolo utente effettua.

Personalmente lavorerei su iniziative di questo tipo che mi pare abbiano il pregio, da un lato, di magnificare le potenzialità del web e, dall’altro lato, di consentire un percorso positivo di differenziazione della fruizione di informazione su carta.

Chiamiamola sinergia, chiamiamola convergenza se preferiamo, l’importante è non continuare a sprecare le occasioni che si presentano.

3 commenti

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali