Archivi tag: journalism

Sexism and the Media

The gender gap in Italy is one of the highest among developed nations as the latest data available confirms.

If Italy is lagging behind the rest of the world and threatens, once more, to miss opportunities, are the media to blame for the representation they often  give of women or are they only reporting the status quo of our culture?

The issue is of great social relevance for a Country in which sexism is part of the daily picture made of women represented as “velinas”, or worst as escort,  becoming so popular to drive  a great protest and a huge movement calling to have more respect.

Around this question will take place, next friday in Rome, a debate organized by Associazione Pulitzer in collaboration with Associazione LSDI [Libertà di Stampa Diritto all’Informazione] and the DigiLab of University La Sapienza of Rome under the advocacy of Federazione Nazionale della Stampa.

“Women and Media. The role of woman in the collective imaginary”  will see the partecipation, among others, of Giovanna Cosenza, professor of semiotics of new media at the University of Bologna, Antonella Beccaria, journalist and writer, Natascha Fioretti, head of the italian section of the European Jornalism Observatory and Loredana Lipperini, journalist and radio speaker.

Such an important issue and the partecipation of so many qualified speakers shouldn’t be unattended not only by women but by all those who care about the future of our Country. I’ll be there.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Tipologie di Visualizzazione Narrativa

Obesità informativa, scarsità di permanenza ed attenzione e relative necessità di coinvolgimento e sintesi, hanno portato alla ribalta il ruolo delle visualizzazione di informazioni, in particolare nel giornalismo on line.

In questo momento la modalità più in voga pare essere l’infografica che registra diffusione ed applicazione talvolta perfino in eccesso.

Sulle diverse tipologie di visualizzazione narrativa si concentra la pubblicazione realizzata da Edward Segel and Jeffrey Heer della Stanford University che identifica i diversi generi.

Il white paper realizzato dai due accademici statunitensi  identifica 7 modalità e contiene una tabella di sintesi ricca di esempi, incluso quello realizzato dal NYT per illustrare le differenze tra previsione e consuntivo di budget dello stato americano, e suggerimenti sull’opportunità di utilizzo di uno o l’altro genere in funzione dell’obiettivo di comunicazione, di informazione.

Il documento si fa apprezzare per concretezza e sintesi, tralasciando però alcune delle forme di narrazione di maggior potenzialità, concentrandosi sulle modalità già in uso senza considerarne altre attualmente in fase embrionale ma non per questo meno importanti.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione

Real Time Journalism

Da una costola di Muck Rack, aggregatore di cinquettii di professional del mondo dei media, nasce Muck Rack Stylebook: “A place to ask questions about how journalism works on the real-time web”.

La versione beta è stata inaugurata non più tardi di ieri ed i contenuti sono ancora in una fase assolutamente embrionale.

Di estremo interesse mi appaiono i criteri di partecipazione che sono concepiti su più livelli, partendo da quello base che consente di fornire risposte o effettuare domande in forma anonima, a livelli superiori di partecipazione che, in seguito alla registrazione, consentono di accumulare punteggi e “reputazione”seguendo concettualmente logiche affini a quelle del peer-to-peer.

Sicuramente, quantomeno, da inserire tra i preferiti per tenere sott’occhio le evoluzioni che, viste le premesse, non ci si può che augurare essere positive.

Ci ritrovo, infine, molte affinità con i concetti che pochi mesi fa hanno portato alla nascita di Filtr [che continuo ad avere in mente e nel cuore].

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali, Scenari Editoriali