Archivi tag: intelligenza artificiale

The Monkeys that Wrote Shakespeare

Almost a month ago I reported on computer generated articles who’s autors claim it will probably win a Pulitzer in the next 5 years as Nicola Bruno and Raffaele Mastrolonardo  wrote in their book “The Monkey That Won a Pulitzer”.

Jesse Anderson a week ago has announced that, through an application he has written, he successfully mimicked a million monkeys typing and it has recreated all Shakespeare’s work.

Apparently he was inspired in his work by one of his favorite Simpsons episodes as the video below shows.

With the uprising of these technologies, which are very reliable for data or, as Anderson’s work shows, re elaborating existing sources, the concerns for journalists should be focused on  fact checking and engagement of those which, otherwise, were once their audience.

Recent experiment carried out by «The Guardian» is a good example of how to do it.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

E’ Pronto il Software che Scrive gli Articoli di Giornale

«Tra cinque anni un software vincerà il premio Pulitzer», ha detto Kristian Hammond, uno dei cofondatori di Narrative Science, al giornalista Steve Lohr, che l’intervistava per il «New York Times» di fine settimana.

Narrative Science è una start-up di Evanston [Illinois], vicino Chicago, nata agli inizi del 2010 con un progetto della Northwestern University School of Engineering and Journalism, che dà prove continue dei progressi dell’intelligenza artificiale, mostrando la capacità del computer d’imitare la logica umana.

L’azienda sta realizzando un software capace di scrivere articoli a partire dai dati e il quotidiano americano ne riferisce con un titolo provocatorio: «Nel caso vogliate saperlo, un vero umano ha scritto questo pezzo», ricordando che questa capacità è il frutto di un decennio di ricerche, condotte da Hammond e Birnbaum, i due condirettori dell’ Intelligent information laboratory dell’Università.

Da molti anni, dice l’articolo, le aziende hi-tech si provavano a scrivere articoli, per lo più di sport, sulla base di algoritmi d’utilizzo dei dati, ma i due esperti hanno messo a punto un nuovo programma, in grado di affrontare argomenti anche di finanza, di business, di vendite e di trasformare dati di qualunque tipo in storie, operando insieme ad esperti di linguistica computazionale, di semiotica e di comunicazione.

I due progettisti del software sottolineano il fatto che la loro tecnologia è in grado di dare uno sviluppo narrativo a qualsiasi informazione quantitativa, collegando dati e fatti grezzi, secondo una logica espressiva, che tiene conto dell’obiettivo di divulgazione stabilito e modula l’articolo.

Il programma informatico funziona puntualmente e Narrative Science ha già più di 20 clienti, per lo più, grandi catene di giornali e una rete di televisioni.

Redige le notizie in un tempo, che va dai 60 secondi ai tre quarti d’ora, come mostrano i resoconti delle gare di football americano di questo mese.

Il costo è altamente competitivo con quello abitualmente richiesto dagli editori per risultati simili. Non supera i 10 dollari, dà garanzia d’impiego di un repertorio linguistico accattivante e non standardizzato.

Affianco agli editori lo stanno impiegando attualmente anche aziende di costruzioni, che vogliono far conoscere le caratteristiche dei propri appartamenti al mercato abitativo e risulta utile per resoconti tecnici sul funzionamento di media digitali e prodotti elettronici.

«E’ nato il robot giornalista?», ha chiesto Steve Lohr a John Lavine, direttore della Medill School of Journalism della Northwestern. «Molto di più, è stata la risposta, è un tipo di tecnologia che può cancellare il giornalismo».

Una valutazione apocalittica, che i giornalisti veri potranno smentire con i fatti, se lo vorranno.

[Via]

3 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Il Futuro Prossimo della Tecnologia

Michell Zappa, designer di Trendwatching, impresa dedicata al monitoraggio delle tendenze emergenti, ha realizzato l’infografica sottostante che sintetizza quelle che sono le tecnologie attualmente in fase di sviluppo e che saranno disponibili entro i prossimi 25 anni.

Le diverse aree sulle quali le tecnologie avranno entro tale termine un impatto significativo spaziano dal denaro, con la moneta virtuale ed una società futura che non utilizzerà più i contanti, all’intelligenza artificiale con tutte le sue diverse applicazioni, passando per la connettività ed i suoi progressivi miglioramenti e, finalmente, l’utilizzo di fonti di energia pulita e rinnovabili.

A maggior distanza dal centro della grafica corrisponde un arco temporale più dilatato in  termini di realizzazione su ampia scala.

Diceva Woody Allen in “Without Feathers”:  Non c’è dubbio che ci sia un mondo invisibile. Il problema è, quanto dista dal centro storico e qual è l’orario di chiusura?

Clicca per Ingrandire

[Via]

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi