Archivi tag: indignati

Indignati sulla Carta

Dopo Occupy Wall Street e Occupy London anche gli “indignados”spagnoli hanno deciso di pubblicare il loro giornale su carta.

Dal 04 febbraio, «Madrid 15M», questo il nome della pubblicazione in omaggio al 15 maggio giorno di inizio delle proteste, sarà stampato in 20mila copie con 16 pagine a colori e distribuito nella capitale spagnola.

Secondo quanto riportato, non vi sarà né un direttore né una redazione stabile ed il gruppo di lavoro che realizza la pubblicazione ne curerà i contenuti a rotazione. Obiettivo della pubblicazione è quello di informare le persone sulle ragioni della protesta e offrire un’immagine non sterotipata del movimento come invece farebbero i media tradizionali.

Essendo questa ormai la terza versione su carta parebbe davvero che per il movimento di protesta che attraversa Europa & Stati Uniti “the revolution will be newspaperised”.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi

L’Estintore nella Rete

Stamane pressochè tutti i quotidiani nazionali del nostro Paese pubblicano in prima pagina la foto del dimostrante che lancia l’estintore ponendo in questo modo l’accento sul lato violento della manifestazione di ieri a Roma.

Una narrazione iconoclastica in cui coloro che i giornali stessi definiscono abitualmente come “il popolo della Rete” non pare si riconoscano nè si ritrovino.

Utilizzando strumenti diversi di monitoraggio è possibile verificare come, sia in termini quantitativi di citazioni che a livello di “sentiment”, di atteggiamento, il vissuto degli internauti, ed in particolare di coloro che utilizzano Twitter, sia distante dalla rappresentazione fatta quest’oggi dalla stampa quotidiana nazionale.

L’analisi quantitativa, effettuata con Topsy, dei tre termini legati alla manifestazione di Roma di ieri che Twitter segnala come temi di tendenza [Trending Topics] evidenzia riferimenti ben distinti con segnalazioni di informazioni e retweet che sono decisamente più equilibrati rispetto alla rappresentazione che  ne fanno i giornali.

Anche il sentiment, misurato con due tool diversi, mostra in entrambi i casi una prevalenza di neutralità con accenti negativi o positivi verso i fatti assolutamente marginali. Come conferma ulteriormente l’analisi dei top influencers e dei loro tweet.

Una differenza così marcata tra fonti che non può che far sorgere spontaneamente più di un interrogativo sul perchè di tale dicotomia a chi, come il sottoscritto, non si abbandona a facili semplificazioni.

Se i fatti di ieri siano o meno il frutto di una eclatante disorganizzazione della gestione dell’ordine pubblico orchestrata funzionalmente al fine di pilotare media e opinioni in una determinata direzione resterà a lungo una domanda senza risposta come sempre avviene in Italia, quel che è certo è la capacità del Web di controbilanciare gli assolutismi, le certezze pour cause fornite in pasto all’opinione pubblica nonostante, ad oggi, anche gli investimenti nel digitale si siano concentrati nel favorire ancora una volta equlibri ed equilibrismi preesistenti.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Festeggiamenti per la Champions League

Nonostante l’esposizione mediatica delle occupazioni pacifiche realizzate dal movimento spagnolo degli indignados, dopo le elezioni amministrative di domenica scorsa, sia decisamente calata rispetto alla setttimana precedente, le proteste, le acampadas non sono cessate.

Probabilmente incoraggiate dal minor clamore e spinte dalle proteste dei commercianti che lamentano un calo del giro di affari del 70% a causa delle occupazioni che bloccherebbero l’afflusso dei turisti, le autorità hanno deciso ieri in mattinata di sgombrare l’occupazione di Barcellona in Plaza de Catalunya.

La motivazione ufficiale, spiega il Consejero de Interior, Felip Puig, sarebbe stata di natura preventiva per evitare incidenti in caso di festeggiamenti per la possibile vittoria della Champions League da parte della squadra della città nella finale di oggi.

Come mostra l’ampio fotoreportage realizzato i risultati raggiunti sono stati diametralmente opposti rispetto all’obiettivo dichiarato.

-Immagine pubblicata anche da El Pais –

Chi è nell’errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza – Johann Wolfgang Goethe –

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi