Archivi tag: games

Il Gioco come Mezzo di Apprendimento, Comunicazione e Narrazione

I giochi sono un contenitore, un media per sollecitare e coinvolgere le persone su istanze, messaggi.

Questa in buona sostanza la tesi che sosterrò oggi al RomagnaCamp 2011.

Se siete tra coloro che hanno deciso di venire sarà un piacere approfondire e confrontarsi di persona sul tema. In caso contrario potete comunque guardare lo slideshow della mia presentazione tenendo presente, come sempre, che sono una traccia, un punto di appoggio per parlare di questo tema a me tanto caro.

“Facciamo che Io Ero” il titolo dato al [mini]intervento proprio per sottolineare come, appunto, il gioco sia da sempre un mezzo di narrazione, di impersonificazione, e dunque di apprendimento,  di relazione e comunicazione.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal

Social Media Monopoly

Kevin Rose, Arianna Huffington, Pete Casmore sono tra i protagonisti di quello che potrebbe essere il gioco dell’estate per chi non parte per le vacanze di agosto.

Unica precauzione non finire nella casella di MySpace o perderete tutto, reputazione inclusa.

Splendido sia il tabellone di gioco che le carte.

9 commenti

Archiviato in Comunicazione

Bet your Followers

Bet your followers è in parte gioco ed in parte esperimento sociale.

Si gioca, si compete, contro gli altri utenti di twitter ma, invece di guadagnare o perdere punti o beni, si scommettono i propri “followers“.

Secondo quanto dichiarano gli autori, il gioco è stato creato per esaminare i comportamenti ed esplorare il valore delle relazioni su Twitter, ironizzando al tempo stesso sull’ossessione dilagante di ottenere il maggior numero possibile di followers.

Interessante connubio tra gioco e ricerca sociale per capire le dinamiche dei social network.

Si segnala infine, che secondo i dati diffusi da Sysomos, non vi sarebbe correlazione alcuna tra numerosità dei followers ed autorevolezza e livello di influenza.  La conferma della differenza tra numerica e ponderata.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione

Ad Literacy

Per aiutare i bambini a comprendere la pubblicità, la Federal Trade Commission statunitense ha prodotto un gioco ideato per educare la fascia di età pre-adolescenziale [8-12 anni] a comprendere quest’ area della comunicazione.

Come si può leggere nella home page del sito creato ad hoc per lo scopo, “La pubblicità è ovunque, online, all’esterno e in televisione. Chi realizza gli annunci? Come funzionano? Che scopo hanno? Qui lo scoprirai, imparerai ed esplorerai”

Il gioco è composto di 4 livelli di gioco [The Atrium, Assemblimater, Planadtarium and Adgitator] per sviluppare la capacità critica, in termini di capacità di discernere, e comprendere come gli annunci sono “targettizzati”. I giocatori imparano attraverso un percorso esperienziale basato su prodotti reali quali Choco Crunch cereal e Cleanology acne medication.

Sono state realizzate anche due aree di supporto per i genitori e gli insegnanti affinché possano supportare il processo di scoperta ed apprendimento critico favorito dal gioco.

Admongo, integra video, esempi di annunci pubblicitari, un glossario dei termini usati e molto altro ancora rendendolo davvero completo, confermando, se necessario, ruolo ed importanza dell’edutainment.

Un percorso che personalmente mi sento di suggerire non solo ai più piccini.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali