Archivi tag: European Journalism Observatory

Presente e Futuro Digitale dell’Italia

Di ritorno dall’Internet Festival della scorsa settimana, nella mia rubrica settimanale per l’European Journalism Observatory si parla di presente e futuro digitale del nostro Paese.

Un excursus sulla 4 giorni pisana dedicata alla Rete, il punto della situazione attuale, sintetizzato dalle parole del Presidente di Google per l’area Seemea [Europa Sud e Est, Medio Oriente e Africa] al festival e i dati pubblicati da «La Voce» sempre in questi giorni che tracciano per l’ennesima volta l’arretratezza italiana, ultima della fila in Europa, anche, su questo fronte.

Arretratezza che dovrebbe iniziare un percorso di recupero grazie alle misure contenute nel decreto sviluppo varato la scorsa settimana che ha previsto, tra le altre, misure per incentivare la costituzione e lo sviluppo di nuove imprese innovative, la realizzazione di infrastrutture, la riduzione del digital divide, sperando che l’agenda digitale non resti nelle buone intenzioni, come spesso avviene, divenendo un taccuino.

Buona lettura.

2 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

La Crisi dei Giornali: Possibili Conclusioni

Nella mia colonna, realizzata per l’European Journalism Observatory, negli ultimi due mesi sono state realizzate le case history di 8 quotidiani di diversa tipologia e area geografica, con l’obiettivo di mettere a disposizione un archivio liberamente consultabile di diverse posizioni ed approcci al “dilemma del prigioniero”, in modo da fornire a chi lo desideri gli elementi di base per il benchmarking rispetto alla propria realtà editoriale e verificare come e, soprattutto, con quale sostenibilità economica l’evoluzione verso l’online e il digitale venga affrontata.

A questi si è aggiunta la desk research, condotta da Nicola Bruno e Rasmus Kleis Nielsen per il Reuters Institute for Journalism, di analisi su diverse realtà all digital in Europa, Italia compresa;  nove case studies di altrettante testate in Germania, Francia ed Italia, che consentono di verificare, altrettanto, lo status quo delle nuove proposte informative in ambito digitale.

Mettendo insieme le evidenze raccolte ho provato a trarre delle conclusioni su quali siano gli elementi per battere la crisi dei giornali identificando due pilastri fondamentali per andare oltre la situazione attuale. Buona lettura.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Il Cappio di Velluto

Con qualche giorno di ritardo rispetto alla cadenza abituale, a causa di problemi di connessione che mi hanno impedito, anche, di pubblicare in questi spazi lunedì, ritorna la mia colonna settimanale per l’European Journalism Observatory.

Continua la serie di case studies e, dopo l’ultima analisi relativa al «The New York Times», restiamo sempre dall’altra parte dell’oceano per occuparci di uno dei quotidiani non generalisti di maggior fama e diffusione internazionale: lo statunitense «The Wall Street Journal».

Vi anticipo che la strategia del giornale, secondo gli ultimi dati disponibili, ha portato allo straordinario incremento del 24% dei ricavi, della raccolta pubblicitaria per la versione su carta. Un risultato che rispetto allo status quo generale pare di un altro pianeta.

Buona lettura.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Chiuso & Antisocial

All’interno della mia colonna settimanale per l’ European Journalism Observatory prosegue la serie di case studies sulle principali testate giornalistiche europee.

La case study di questa settimana di analisi dell’approccio e dei risultati relativi dei principali quotidiani europei è inerente al principale concorrente, almeno in patria, del «The Guardian» analizzato la scorsa settimana: «The Times», anch’esso quotidiano generalista britannico che però ha una strategia completamente distinta.

Buona lettura.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Casi di Successo

Questa settimana nella mia colonna all’interno degli spazio dell’ European Journalism Observatory la disamina delle strategie di alcune delle principali testate giornalistiche riguarda un giornale non generalista: «Il Financial Times», scelto, anche, per confronto rispetto alla case study effettuata per «Il Sole24Ore».

Il quotidiano economico finanziario londinese rappresenta nell’attualità uno dei rarissimi casi di successo in ambito editoriale nella  valorizzazione dei contenuti online. Nell’articolo vengono esaminati i risultati e le motivazioni di questo successo. Buona lettura.

– Clicca per Accedere alla Versione Interattiva –

A margine si segnala l’ottima realizzazione del quotidiano in questione che propone una timeline interattiva, alla quale avrete accesso cliccando sull’immagine soprariportatata, della storia del giornale dalla sua nascita ai giorni nostri. L’ennesima evidenza della grande cura dei contenuti.

1 Commento

Archiviato in Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Giornali con le Pile

All’interno della mia colonna settimanale negli spazi dell’European Journalism Observatory prosegue la disamina delle strategie di alcune delle principali testate giornalistiche del vecchio continente.

Dopo l’analisi del «Sole24Ore», il contributo di grande valore fornito dalla pubblicazione dello studio del Reuters Institute for Journalism e la case study del francese «Le Monde», questa volta si analizzano le strategie di  «El Pais», giornale tra i primi 15 online a livello mondiale con 14,1 milioni di lettori dei quali ben 5,9 milioni, pari ad oltre il 40% del totale provengono da Sud America e Stati Uniti.

Buona lettura.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

La Sopravvivenza è un Successo

Rompiamo la tradizione, che viene comunque mantenuta, della mia colonna del lunedì all’interno degli spazi dell’European Journalism Observatory con l’articolo di oggi con il quale, credo di poter dire senza pericolo di smentita, in anteprima assoluta nazionale, viene pubblicata la sintesi dello studio, rilasciato pubblicamente stamane, dal Reuters Institute for Journalism.

Il rapporto “Survival is Success”, tutto da leggere e digerire,  svolge un’analisi approfondita di nove “pure players” quali  «Netzeitung», «Mediapart», o «Il Post»,[di]mostrando che per le start up all digital dell’informazione in Europa già riuscire a sopravvivere in questa fase è un successo.

Buona lettura.

4 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali