Archivi tag: business editoriale

La Notizia del Giorno: AOL Compra Huff Post

La notizia del giorno in campo editoriale, non vi è dubbio, è l’acqusizione da parte di AOL dell’Huffington Post.

Lo comunica Arianna Huffinghton stessa con un editoriale in cui parla di visioni condivise e dell’impatto dell’accordo

By combining HuffPost with AOL’s network of sites, thriving video initiative, local focus, and international reach, we know we’ll be creating a company that can have an enormous impact, reaching a global audience on every imaginable platform.

Secondo le prime indiscrezioni l’ammontare dell’affare è nell’ordine di  315 milioni di dollari.

Tutti i primi articoli, le prime anticipazioni, della stampa statunitense sul tema del quale certamente si parlerà molto nei prossimi giorni. In Italia, al momento della redazione di questo articolo, ne parla solo “Il Post” dimostrando un’ottima capacità di reazione.

1 Commento

Archiviato in Scenari Editoriali

News start-up Checklist

Adam Westbrook, giornalista freelance londinese, propone una check list tanto essenziale quanto utile, segnalando che la lista di criteri suggeriti forse non ha bisogno di essere soddisfatta completamente ma che certamente ignorarne i punti essenziali porterà con buona probabilità al fallimento del progetto.

In tempi di sperimentazioni, di tentativi di ridefinizione delle modalità di rendere la pubblicazione delle notizie nuovamente redditizio, mi è sembrato interessante riprenderne i suggerimenti, traducendoli.

La check list, pur non avendo contenuti “rivoluzionari”, ha il pregio di riassumere i punti essenziali di quelli che sono buoni criteri di valutazione di un qualsiasi prodotto prima del lancio ed il valore di andare oltre i soliti canonici [scontati] dieci punti.

Eccoli:

  1. E’ una nuova idea?
  2. Ha un audience definita?
  3. Fornisce contenuti di nicchia?
  4. Soddisfa un bisogno che non viene coperto attualmente?
  5. Fa qualcosa in maniera migliore [più rapida, più economica, più efficace] di quanto già in essere?
  6. Ha un potenziale effettivo di avere una redditività o si baserà sul finanziamento di capitale di rischio?
  7. Utilizza il potere del crowdsourcing e/o delle communities?
  8. Sarà soddisfacente per i giornalisti lavorarvi?
  9. Viene pubblicata/esiste su più di una piattaforma?
  10. Se ha dei contenuti, è possibile condividerli?
  11. Ha bisogno di somme ingenti di danaro per il proprio funzionamento?
  12. Possiede un potenziale che si autoalimenta?
  13. E’ scalabile?
  14. Fornisce un servizio di pubblica utilità?
  15. E’ legalmente sostenibile? Rispetta il copyright?
  16. Potrebbe attrarre venture capitalist o angel investors?
  17. E….ha un bel nome?

Ad integrazione, infine, si segnalano, sempre sullo stesso argomento, le 11 lezioni che Jeff Israely dichiara di aver imparato nel primo anno da corrispondente di una [aspirante] on line news start up.

Quando la strada è buia e tortuosa, dotarsi di strumenti per illuminarla facilita il cammino.

1 Commento

Archiviato in Scenari Editoriali, Vendite Editoria