Archivi tag: berlusconi

Mappa degli Aggiornamenti

El Pais ha realizzato una mappa mondiale dove sono visualizzati i file diffusi da Wikileaks che riguardano ciascuna nazione.

La mappa è interattiva e cliccando sulla nazione d’interesse si ha accesso ai documenti originali in ordine cronologico.

L’Italia al momento è la terza nazione per numero di informative.

Rispetto a quanto riportato ieri è stata aggiunta nuova documentazione. Una del 28 gennaio 2010 nella quale Hilary Clinton chiede di avere approfondimenti sulla relazione Putin – Berlusconi ed un’altro, meno recente, dove viene fatto il punto delle relazioni USA – Italia in cui Frattini viene apertamente criticato dall’ambasciatore statunitense a Roma per le   sue posizioni sulla Georgia.

La Mappa sarà attualizzata ogni volta che il quotidiano spagnolo inserirà nuovi files. Da mettere nei preferiti per chi vuol essere aggiornato nonostante l’ignavia conclamata dei quotidiani nostrani a fornire, almeno, i collegamenti all’informazione originale.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

La Notizia del Giorno: Il Documento Originale

Non vi è dubbio che la notizia del giorno sia relativa alla pubblicazione da parte del New York Times di un documento del 26 Gennaio 2009 [classificato come “riservato” sino al 2019] che descrive minuziosamente le osservazioni sulle relazioni tra il nostro Presidente del Consiglio e la Russia.

Finalmente non si parla più di festicciole et similia e dal documento traspaiono chiaramente disaccordo e preoccupazione da parte statunitense sul comportamento di Berlusconi e di Frattini [definito come semplice portavoce del Premier] nelle relazioni con la Russia.

Poichè nessun quotidiano nazionale propone il documento originale ho ritenuto fosse assolutamente opportuno proporlo affinchè dalla lettura dello stesso ciascuno possa formarsi una propria opinione al riguardo.

 

- Le Conclusioni del Documento -

Elenco delle destinazioni governative a cui è stato inviato il documento:

O 261148Z JAN 09

FM AMEMBASSY ROME

TO RUEHC/SECSTATE WASHDC IMMEDIATE 1502

INFO RUEHZG/NATO EU COLLECTIVE IMMEDIATE

RUEHMO/AMEMBASSY MOSCOW IMMEDIATE 4498

RUEHFL/AMCONSUL FLORENCE IMMEDIATE 3404

RUEHMIL/AMCONSUL MILAN IMMEDIATE 9782

RUEHNP/AMCONSUL NAPLES IMMEDIATE 3573

RHEHNSC/WHITE HOUSE NSC WASHDC IMMEDIATE

Update: Sul sito del Pais ho reperito un secondo documento che tratta specificatamente della relazione Putin – Berlusconi in riferimento ai rapporti commerciali sull’ energia.

Il documento è datato 05 Febbraio 2010 ed è dunque particolarmente recente. Le conclusioni suggeriscono che i rapporti non siano esclusivamente basati su interessi di stato e che quanto avviene tra i due possa coincidere con interessi privati mentre gli atti ufficiali pubblici sono fumo negli occhi, “show”.

- Le Conclusioni del Documento -

Il documento è stato inviato dall’Ambasciata a Mosca ai seguenti soggetti e cita fonti confidenziali [omesse]:

FM AMEMBASSY MOSCOW

TO RUEHC/SECSTATE WASHDC PRIORITY 6162

INFO RUCNCIS/CIS COLLECTIVE PRIORITY

RUEHZL/EUROPEAN POLITICAL COLLECTIVE PRIORITY

RUEHXD/MOSCOW POLITICAL COLLECTIVE PRIORITY

RHEHNSC/NSC WASHDC PRIORITY

RHEBAAA/DEPT OF ENERGY WASHINGTON DC PRIORITY

RUCPDOC/DEPT OF COMMERCE WASHDC PRIORITY

7 commenti

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Batman, Robin & Wonderwoman

Tra i documenti diffusi da Wikileaks spuntano alcune considerazioni sulla relazione tra il Presidente Russo ed il Primo Ministro della Russia che, secondo quanto riportato, vedrebbero Medved, ufficialmente il “senior partner”, giocare il ruolo di Robin rispetto a Putin che invece impersonificherebbe Batman.

Per quanto riguarda la nostra nazione, ad ora, pare che il Presidente del Consiglio in carica venga visto dall’incaricato agli affari dell’ambasciata USA di Roma come incapace, vanitoso e inefficace come moderno leader europeo; ruolo che eserciterebbe in qualità di portavoce in Europa degli interessi di Putin.

Se Putin è il maschio alfa, pare dunque che a Berlusconi non resti che giocare ad essere Wonderwoman, potrebbe essere un’idea per il prossimo dei suoi “wild parties”.

4 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

Notizie Dirette a Danneggiare l’Immagine

Una nota diramata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri evidenzia la diffusione di notizie che farebbero parte di un disegno teso a danneggiare l’immagine del nostro paese.

Sono evidenze ineluttabili di un complotto anti italiano che viene da lontano.

A sostegno della tesi di cui si è fatto portavoce il Ministro Frattini, <<Il Giornalaio>> ha raccolto ulteriori prove.

Il Crollo dell’Impero Romano: Le tavolette di marmo recentemente ritrovate durante il recente ripristino della fermata della linea tre “Zara”, dimostrano che non vi fu un crollo ma un semplice assestamento come il rinascimento italiano ha reso evidente.

La Nazionalità di Cristoforo Colombo: Ogni informazione diffusa nel tempo tesa a smentire l’italianità del celebre scopritore è falsa e tendenziosa; che fosse genovese è ampiamente dimostrato dal fatto che non pagò il viaggio di tasca sua.

Adeguatezza dei Provvedimenti del Governo:  La carestia del 1629, l’eruzione del Vesuvio nel 1631 e il terremoto nel Sannio del 1688, sono la testimonianza della pesante eredità ricevuta dall’attuale governo, che solamente grazie alla generosità ed all’impegno dei propri componenti sta risollevando le sorti del paese.

La Massoneria: La diffusione di notizie relative all’appartenenza di collaboratori del Presidente del Consiglio e dello stesso Silvio Berlusconi a associazioni criminali [mafia] o società segrete [P2 & P3] sono l’invenzione di magistratura e giornali partigiani e tendenziosi. La prima loggia massonica in Italia fu fondata nel 1733, è evidente che nessuna delle figure citate potesse partecipare ai fatti dell’epoca.

Promesse & Tassazione: Anche le promesse del governo in materia di tassazione sono state mantenute.  Al suo insediamento il direttivo ha abrogato la tassa sul macinato e sta lavorando, grazie alla collaborazione tra Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il Ministro per le Semplificazioni, alla tassa sulla rendita pubblica introdotte dal centro sinistra con Cambray-Digny.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Personal

Laboratori di Linguaggi Innovativi

Nell’epoca della comunicazioni prevalentemente per immagini[*] e dell’information overload, l’elaborazione di nuovi strumenti che consentano di affrontare, di gestire il sovraccarico di informazioni, e coinvolgano l’utenza al tempo stesso, è sempre più urgente.

Sotto questo profilo davvero interessante la sperimentazione avviata da EffeCinque e Tiwi che immagina e prova nuovi linguaggi giornalistici pensati per il web per raccontare l’attualità.

Dopo il primo video che passa in rassegna oltre vent’anni di Beautiful in sei minuti in una settimana ha ottenuto un successo straordinario con oltre un milione di visualizzazioni, arriva adesso il secondo che riassume in 4 minuti 17 anni di amore ed odio tra Fini e Berlusconi.

Come viene detto nel sito che ospita l’iniziativa giornalistica, la realtà come una soap opera, colpi di fulmine, litigi, rivalità, tradimenti e riappacificazioni. Parafrasando, è l’attualità bellezza!

[*] Elemento che potrebbe considerarsi un “ritorno al passato” più remoto.

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali, Scenari Editoriali

Titoli SoprafFini

Il discorso tenuto a Mirabello dal Presidente della Camera domina le prime pagine dei quotidiani di oggi, per vostra comodità “Il Giornalaio” aggrega le principali in sintesi.

Il Secolo: “Fini le canta al cavaliere. Per portare a termine la legislatura propone di inserire le sue canzoni nel nuovo cd in uscita del duo Berlusconi – Apicella”

La Stampa: “Marchionne segue la strada della famiglia Agnelli e dichiara <<A Courmayeur La7 non si capta>>”

Libero: “Abbiamo le prove. Dalla vendita delle felpe di <<Gioventù Italiana>> finanziato il cambio gomme della Ferrari del fratello della Tulliani”.

L’Unità: “Il PDL è morto, anche Bersani non si sente tanto bene”.

Il Giornale: “Fini è un ladro! Dopo il comizio scoperti ammanchi nell’incasso del chiosco di piadine di Mirabello”.

La Repubblica: “Fini loda il lodo e si imbroda”.

La Nuova Ferrara: “Ferrara è il centro della politica nazionale”.

Il Corriere della Sera: “Berlusconi parla di festival dell’ipocrisia, Bocchino chiarisce che era solo la festa tricolore. La frattura è ormai insanabile”.

La Padania: “Mirabello è sotto il Po, siamo pronti ad inondare le campagne se necessario”.

Il Sole24Ore: “Unica possibilità un governo di tecnici. Incaricata una nota società di head hunting”.

La Gazzetta dello Sport: “Fini: <<Mi hanno cacciato ed ora gli buco il pallone>>”.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Personal

Chi Tace Acconsente

Esiste da tempo una tecnica di diffamazione collaterale, una tecnica di disinformazione, un tempo definita tecnica Pecorelli che attualmente ha preso il nome di tecnica Boffo in “onore”, o forse, più correttamente, a memoria, della campagna mediatica che Vittorio Feltri ha praticato nei confronti dell ex direttore dell’Avvenire.

E’ una modalità che viene usata nei confronti di avversari politici e/o economici con crescente frequenza come è stato fatto, per citare i casi più noti al grande pubblico, nei confronti di Veronica Lario, di Gianfranco Fini.

Non stupisce che ispiratore di questa tecnica sia colui che nel suo trasferimento dalla direzione da Libero a Il Giornale ha portato con sé all’interno della redazione colui che è provato come sia stato precursore di queste tecniche.

E’ una fabbrica del fango che funziona a pieno regime le cui modalità sono state egregiamente illustrate dal direttore della Nuova Ferrara sul quotidiano del 22 agosto scorso. Nel suo articolo Boldrini esemplifica egregiamente come sia facile creare un falso scoop ed ingannare l’opinione pubblica narrando del caso immaginario di Anguilla e Patacca.

Sono testimonianze concrete dell’incivile assetto dell’informazione nel nostro paese rispetto alle quali, come recita il detto, chi tace acconsente.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali

Giornalismo d’Inchiesta

Le prime pagine di “Libero” e del “Giornale” assomigliano sempre più a quelle dei settimanali scandalistici con titoli connotati da terminologia decisamente nè giornalistica né professionale ed informazioni che è sempre più difficile definire tali.

Si raggiunge la vetta dell’approssimazione, dell’incompetenza nonchè dello squallore in riferimento alla soap opera di Montecarlo alla quale dedicano ormai da giorni le prime pagine entrambi i quotidiani.

In particolare, nelle edizioni di ieri 12 agosto “Libero” pubblica a tutta pagina un’immagine non verificandola e spaccia Lilli Franceschetti Bianchi [sorella] per la compagna del Presidente della Camera lasciando sottintendere chissà quali dissapori all’interno della coppia. Gli fa eco “Il Giornale” che come fonte dell’articolo cita il settimanale “Oggi”, noto per il giornalismo d’inchiesta che fa impallidire le più famose testate internazionali al confronto.

Burattini nelle mani di Pinocchio senza dignità alcuna.

- clicca per ingrandire -

- clicca per ingrandire -

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Vendite Editoria

Magic Italy

E’ stato diffuso ieri lo spot che dovrebbe promuovere il turismo in Italia. Il filmato, a testimonianza dell’importanza strategica di questo settore per il nostro paese ha come primo testimonial addirittura il Presidente del Consiglio che ha “prestato” anche la sua voce per commentare le immagini del girato.

Contemporaneamente i terremotati dell’Aquila giunti a Roma per tentare di far valere i loro diritti sono stati presi a manganellate. La notizia ha fatto il giro del mondo e, al momento della redazione di questo articolo, 221 fonti informative internazionali, dall’inglese The Guardian,al russo The Voice of Russia passando per lo Statunitense [potentissimo] Huffington Post , segnalano la notizia pubblicando i filmati e le immagini delle violenze subite dai manifestanti.

Al di là di ogni altra possibile considerazione, i lettori di tutti il mondo, potenziali clienti del turismo italiano, si saranno fatti una buona idea di cosa sia davvero questa <<Magic Italy>>

A margine, si segnala che la ricerca di Magic Italy fornisce tra i primi risultati un campenggio ed un portale di alloggi turistici inglese. Ottima scelta del nome e sapiente lavoro seo.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Personal

Predatori della Libertà di Stampa

Reporters Sans Frontières ha pubblicato oggi l’elenco di quelli che definisce i predatori della libertà di stampa.

Sono 40 i politici, i governanti, le nazioni incluse nella lista nera aggiornata al 2010. Rispetto al 2009 non ci sono variazioni di rilievo; ai “soliti noti”: Putin, Gadafi, Kim Jong Il o Hu Jintao, si aggiunge soltanto il Presidente Ceceno Ramzan Kadyrov.

In Europa sono due le nazioni che vengono comprese nella lista, una delle quali, manco a dirlo, è l’Italia strangolata dalle organizzazioni criminali e dai ripetuti attacchi del Presidente del Consiglio in carica.

2 commenti

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali