Archivi tag: aggregatori di contenuti

The Tweeted Times

La raccolta, l’aggregazione di contenuti, al di là degli abusi, è, da un lato, necessità, elemento facilitante per la lettura degli argomenti di interesse e, dall’altro lato, rischio di creazione di sistemi chiusi d’informazione.

Al di là dei più noti, a partire ovviamente da Google News, i casi, le piattaforme che maggior successo hanno riscosso recentemente sono Flipboard, applicazione per iPad, e Paper.li direttamente dal browser, tendenzialmente attraverso il pc.

Arriva ora The Tweeted Times, quotidiano personalizzato che, pur partendo dal proprio account su Twitter, non si limita ad aggregare le fonti delle persone che si segue sulla celebre piattaforma di microblogging permettendo un elevato livello di approfondimento e di personalizzazione.

Dopo averlo attivato consentendo l’accesso dell’applicazione al proprio account, è possibile aggregare e personalizzare i contenuti sia sulla base di utenti ed argomenti suggeriti che in funzione delle proprie preferenze al di là di Twitter.

L’aggiornamento dei contenuti avviene con frequenza oraria e sono disponibili anche tutti i principali quotidiani del globo nonché l’archivio delle principali notizie.

Il concetto di socialità delle notizie e della personalizzazione dell’esperienza della lettura sono elemento fondamentale nell’attuale panorama mediatico come pare confermare anche la decisione del Washington Post di produrre una applicazione proprietaria che dovrebbe aggregare ben 10mila fonti diverse.

L’impatto devastante per i giornali tradizionali in formato cartaceo non può che costringere ad un ridisegno totale del prodotto così come lo abbiamo conosciuto sin ora.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Dalla Blogosfera alla Blogopiramide

Secondo BlogPulse i blogger italiani, i redattori di blog che pubblicano post in modo continuato, sarebbero 4 milioni e mezzo, una popolazione enorme che, per le ragioni più diverse, ha voglia di esprimersi e di entrare in relazione con altri a distanza, su Internet.

L’insieme dei comportamenti e del lavoro in Rete di queste persone costituisce la «blogosfera», termine usato per la prima volta undici anni fa dall’inglese Brad L.Graham per denotare il sistema aperto e interconnesso di blog, che viene configurato progressivamente dai blogger: un sistema che produce conoscenze in quantità superiori a quelle generate finora dall’umanità nei millenni passati.

Questa galassia di produttori e consumatori di informazioni , di organizzazioni sociali rette dalla comunicazione, appare come un medium davvero globale, che può diventare utile per veicolare commerci di massa e fidelizzare consumatori o per trasmettere modelli di comportamento pubblico e ottenere consenso dai cittadini, su vasta scala.

Abbiamo già visto, nei post «Consumatori e produttori di conoscenza» e «Media di massa e personali in via di omologazione», come i tentativi di egemonia si vadano realizzando e la portata emancipatrice della Rete sia indebolita.

Alla costruzione di condotte in linea con la figura del blogger, funzionale ai mercati economici e politici, sono rivolte le gerarchie del merito, prodotte da commercianti e politici, basate sull’accettazione delle regole di comportamento imposte, sul valore dell’appartenenza offline, su criteri unici di valutazione, sulla riconoscibilità dei link e sull’indifferenza all’interazione non espressa con la ripresa pedissequa dei testi.

Sulla base di questi assunti, i blogger vengono sollecitati a scalare classifiche artificiose e a cercare la benevolenza delle «citazioni» di chi ne è al vertice, occupato spesso da iperattivi protagonisti dei mass media, abili sollecitatori dell’interesse popolare.

Viene così alimentato il circuito del conformismo, del bloggare per essere approvati, dell’inserimento in uno degli strati e delle categorie costitutive della scala sociale dei blogger. Come tutte le piramidi, anche questa ha una base ampia di destinatari delle informazioni, che i comunicatori, rafforzati dalle posizioni di vertice, dai premi e dalle feste, erogano e che i classificatori mettono a disposizione per discriminare il traffico sulla Rete senza nessuna autorità scientifica, né istituzionale. La piramide diventa un mercato della visibilità e degli affari.

Non occorrono indagini complesse per accertare come stanno le cose davvero. Chi vuole informarsi da qualunque blog, può usare facilitatori d’accesso, che lo indirizzano privilegiando i più richiesti, ma trascurando l’esistenza degli ultimi arrivati sulla Rete e di quelli già presenti, ma con meno accessi, può aprire schede che ripartiscono i contenuti già trasmessi per settori d’informazione predefiniti, può scoprire inimmaginabili specializzazioni informative e vedere rappresentazioni grafiche sull’andamento dei richiami espressi dagli altri blogger, più influenti se sono al vertice della piramide.

Purtroppo, il gioco degli aggregatori di contenuti, che accumulano le informazioni appena sono messe in circolazione, è facilitato dalla carenza legislativa e dalla remissività o dall’acquiescenza dei blogger, tanto compiaciuti di essere presi in considerazione da trascurare la mancanza di legittimità a valutare, da non sindacare i criteri di valutazione, decisi unilateralmente, da ignorare la sovrapposizione tra classificatori e operatori con interessi economici o politici conflittuali, da non chiedersi neppure a quale uso sono destinati i contenuti registrati.

Tutte disponibilità e aperture, che attuate come se la Rete fosse ancora l’enorme progetto originario, finalizzato alla costruzione di comunità e conoscenza, oggi risultano però troppo ingenue.

Estratto da Iriospark

2 commenti

Archiviato in Comunicazione