Intesa sugli Interventi a Sostegno dell’Editoria

E’ stato raggiunto ieri l’accordo tra Governo e mondo dell’editoria. Lo annuncia Giovanni Legnini, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega a editoria e attuazione del programma, su Twitter e dal suo blog personale nel tardo pomeriggio di ieri.

Legnini Accordo

Il documento è stato sottoscritto da praticamente tutti gli attori del mondo editoriale, incluso l’online: FIEG [Federazione Italiana Editori Giornalist]), FNSI [Federazione Nazionale Stampa Italiana], INPGI [Istituto Nazionale Previdenza Giornalisti Italiani], ANADIS [Associazione Nazionale Distributori Stampa], ANES [Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata], ANSO [Associazione Nazionale Stampa Ondine], Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti, FILE [Federazione Italiana Liberi Editori], FISC [Federazione Italiana Settimanali Cattolici], MEdiacoop, NDM [Network Diffusione Media]; USPI [Unione Stampa Periodica Italiana]; SINAGI; SNAG, UILTUCS; FENAG; USIAGI UGL [Sigle di rappresentanza dei giornalai].

I Contenuti dell’accordo, che seguono  la risoluzione parlamentare approvata il primo agosto scorso dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato, costituirà la base per un prossimo intervento normativo di carattere straordinario da inserirsi nella tanto attesa riforma del settore.

I termini dell’intesa sono stati pubblicati integralmente alle 18:30 di ieri sul blog del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega a editoria, mentre invece non compaiono in nessuno dei siti web delle sigle che l’hanno sottoscritto.

Undici i punti dell’accordo sottoscritto:

a) Sostenere i processi di innovazione tecnologica e di ristrutturazione aziendale  attraverso il rifinanziamento di misure come il credito agevolato alle imprese;

b) Favorire la nascita di nuove imprese editoriali ispirate a modelli innovativi attraverso l’applicazione degli strumenti già previsti in altri settori per le start-up;

c) Favorire l’ingresso di nuovi e qualificati professionisti con l’abilità nell’area dei new media in continua evoluzione, contestualmente al rifinanziamento al sostegno all’uscita e degli altri strumenti di protezione sociale, anche utilizzando gli istituti contenuti nella legge 5 agosto 1981 n. 416;

d) Promuovere, anche con misure di incentivazione fiscale, il pieno sviluppo delle potenzialità delle piattaforme digitali e l’offerta dei contenuti multimediali e digitali, compatibilmente con le normative europee ed i vincoli di finanza pubblica;

e) Favorire, nel settore dell’informazione online, l’offerta di contenuti legali per garantire un’effettiva tutela del diritto d’autore ai produttori di contenuti originali, valorizzandone così il ruolo;

f) Favorire la sottoscrizione di accordi tra le organizzazioni di rappresentanza degli editori e le società che svolgono attività di aggregazione di notizie, per individuare forme di remunerazione per l’utilizzo in rete dei contenuti editoriali, così da garantire un’effettiva tutela del diritto d’autore e lo sviluppo dell’offerta online di contenuti legali;

g) Promuovere la modernizzazione della rete di distribuzione e dei punti di vendita con misure di incentivazione fiscale  e con idonei interventi di carattere amministrativo o normativo;

h) Promuovere il confronto con le autonomie locali e regionali, in sede di conferenza Stato-Regioni, al fine di definire criteri uniformi di applicazione delle misure relative alla distribuzione e vendita dei giornali, introdotte dal decreto-legge 24 gennaio 2012, n.1, convertito con modificazioni dalla legge 24 marzo 2012, n. 27;

i) Garantire  un livello adeguato e stabile di finanziamento del fondo gestito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la contribuzione diretta all’Editoria  per il prossimo triennio;

l) Evitare che il fondo gestito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la contribuzione diretta all’Editoria sia gravato da oneri finanziari relativi a regolazioni debitorie pregresse;

m) Favorire  per il prossimo triennio  prosecuzione dell’attuale regime tariffario concordato con Poste Italiane nella misura stabilita dal vigente decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, anche contemplando ulteriori alleggerimenti delle tariffe per le imprese editoriali minori e no profit.

Adults

Difficile entrare nello specifico visto che si tratta di criteri generali che andranno a costituire la base di interventi specifici. E’ comunque positivo che a poco più di 3 mesi dall’insediamento del nuovo Governo vi sia stata attenzione costante e si sia giunti ad un protocollo d’intesa sul quale lavorare.

Per quanto riguarda il digitale e l’online sia in termini di professionalità che a livello di sostegno economico alle start-up, che tanto faticano, vengono previsti interventi specifici. Questo, per quanto si riesce a decodificare, potrebbe allineare anche le aliquote IVA abbattendo le attuali differenze tra il 4% sulla carta ed il 21% sul digitale.

Si torna a ricercare soluzioni, accordi, tra “organizzazioni di rappresentanza degli editori e le società che svolgono attività di aggregazione di notizie”, fondamentalmente Google News. Visti i risultati in Belgio, Francia e Germania – di cui parlavo non più tardi di ieri – non mi farei più di tante illusioni al riguardo.

Due i punti specificatamente dedicati alla distribuzione editoriale, finalmente. L’incentivazione fiscale prevista per la modernizzazione della rete, leggi informatizzazione delle edicole, lascia intendere che verrà probabilmente procrastinato il credito di imposta di 10 milioni di euro previsto dal precedente Governo. Sul tema ci tengo a sottolineare che NON può, NON deve essere Inforiv, il gestionale attualmente più diffuso, lo strumento, l’applicativo di sostegno all’informatizzazione delle edicole. E’ necessario disintermediare l’intermediazione e mettere in collegamento diretto, attraverso apposito software appunto, editori e edicole; senza questo passaggio tutto il resto sarebbe vanificato.

Seguirò, come d’abitudine, con estrema attenzione gli sviluppi.

Accordo Editoria

2 commenti

Archiviato in Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

2 risposte a “Intesa sugli Interventi a Sostegno dell’Editoria

  1. Come criteri generali sono pienamente condivisibili. Ora resta solo da vedere – come giustamente sottolineato – in che modo verranno applicati e trasformati in provvedimenti. Molto interessante il punto (b) per la creazione di startup con modelli editoriali innovativi: staremo a vedere.

  2. Pingback: A cosa serve l’accordo a sostegno dell’editoria | Il Futuro dei Periodici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...