Lezioni dai Blog per il NYTimes

Da alcuni mesi il «The New York Times» sta rivedendo i blog all’interno del proprio sito e molti sono stati eliminati o sono comunque prossimi ad esserlo.

Le ragioni sono state pubblicate in questi giorni da Margaret Sullivan, Public Editor del quotidiano statunitense, figura professionale che, per inciso, non pare esistere in Italia nonostante non vi sia certamente carenza di bisogno in tal senso, che ha chiesto al suo collega Dean Baquet, Managing Editor, Caporedattore del giornale, i motivi di tale decisione.

Spiega Baquet che:

Stiamo ripensando i blog – in realtà li stiamo sempre ripensando. I blog hanno proliferato tempo fa perché sono stati visti come un modo per i desk editor e gli  altri soggetti delle redazioni per entrare nella logica del Web. Ci hanno insegnato un modo diverso di scrivere e di pensare, hanno creato un modo per velocizzare, per snellire la copertura informativa. Ma direi che per come ci siamo evoluti, le sezioni ora si comportano come i blog.

L’evoluzione della specie. Finalmente!

doonesbury unpaid

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...