One Man Sciò

Quando all’inizio dell’anno Andrew Sullivan aveva annunciato  la sua iniziativa editoriale indipendente il mondo intero aveva guardato con attenzione ed interesse al “freemium-based meter” interpellandosi sulle effettive possibilità del modello proposto.

A tre mesi dal lancio abbiamo la risposta. Nonostante i cambiamenti apportati sia sulla quantità di articoli che è possibile leggere che per quanto riguarda le opzioni di pagamento. E’ lo stesso Sullivan a dichiarare che è altamente improbabile che venga raggiunto l’obiettivo di 900mila dollari:

It remains unlikely that we will reach our target of $900,000 by the end of the year, even though we have already brought in gross revenue of around $680,000 – three-quarters of the way there. The most passionate readers have already joined. It gets harder after that.

Il grafico sottostante riproduce l’andamento degli abbonamenti e mostra il forte rallentamento dell’ultimo mese con un aumento a 680mila dollari dai 635mila del 25 marzo scorso, come riporta paidContent. Segnale inequivocabile di come dopo il picco iniziale e la crescita positiva dei primi due mesi non vi siano praticamente piu stati nuovi abbonamenti a «The Dish».

Avanti il prossimo.

Daily Sales Sullivan

1 Commento

Archiviato in Distribuzione Editoria, Nuovi Prodotti Editoriali, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Una risposta a “One Man Sciò

  1. Mi sembra comunque forzato giungere a conclusioni su presunti fallimenti o insostenibilità del sistema. Sullivan si era posto un obiettivo (ambizioso) ma non è che il piano di sottoscrizione stia andando così male: semplicemente c’è uno zoccolo duro e ci sono i lettori occasionali. I primi pagano, i secondi no. La via è allargare lo zoccolo duro, senza perdere gli “early user”. C’è poi da affrontare anche tutto un discorso di effettivi costi di produzione e promozione da mettere a bilancio.

    La vera domanda è: può un giornalista/blogger che si è costruito un seguito basato sull’autorialità sostenersi (“campare”) con il suo blog a pagamento? La risposta (sinora) è sì.

    Può una struttura più complessa (redazionale, se vogliamo) sostenersi con un modello a paywall? La risposta è “dipende”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...