Chi ha Tempo non Aspetti Tempo

Il tempo speso sul sito del giornale è, a mio avviso ma anche di molti altri, un indicatore importante del livello di coinvolgimento effettivo del lettore. Indicatore che, per essere speculativo viste le difficoltà complessive di monetizzazione, che può essere speso per aumentare il valore di vendita per CPM.

The Media Briefing pubblica i dati delle rilevazioni comScore relativamente all’informazione in Gran Bretagna e pone l’accento proprio sul tempo speso dagli internauti britannici sia sui siti web d’informazione nel loro complesso che su quelli dei quotidiani online rapportandolo al totale del tempo online. Aspetto che in uno scenario competitivo allargato quale quello digitale è elemento saliente dell’attenzione delle persone e di riflesso della posizione competitiva del segmento anche per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria.

Dai dati emerge come i quotidiani online pesino soltanto il 2% del totale rispetto ad altre attività che le persone fanno online ed anche allargando lo sguardo e considerando più in generale i siti d’informazione, includendo dunque fonti quali, una per tutte, la BBC, si sale al 3,6% del totale come mostra il grafico di sintesi sottostante.

Tempo Online Quotidiani UK

 Se i dati pubblicati mostrano una tendenza positiva con un incremento del 18% rispetto all’anno precedente del tempo speso nel 2012 nella lettura di informazioni sui siti web dei quotidiani online, i valori restano comunque estremamente ridotti sia in assoluto che rispetto alla fruizione degli altri mezzi.

Si tratta dell’evidenza di come sin ora, sbagliando, ci si sia concentrati sull’attirare audience, sui volumi di traffico, nel disperato tentativo di  riuscire a rendere sostenibile economicamente la versione digitale dei giornali.

Se la quantità è un parametro importante lo è altrettanto la qualità. E’ fuori discussione, credo davvero, che il tempo dedicato sia IL parametro principale dell’attenzione e del coinvolgimento delle persone. Come scrivevo  a dicembre nelle mie previsioni su quali aspetti lavorare nel 2013, a quali leve dare priorità, è questo attualmente uno dei più gravi problemi dei quali soffre l’informazione. Forse il principale tallone d’achille.

Come ho avuto modo di sottolineare a più riprese, in tal senso, a mio avviso, le leve su cui operare sono fondamentalmente due.

Creazione, ed alimentazione, di comunità d’interesse all’interno del sito del giornale e implementazione di tecniche riconducibili alla gamification, che può essere elemento di grande ausilio poichè l’ applicazione all’informazione consente di approfondire l’esperienza del lettore, delle persone, crea coinvolgimento e partecipazione, migliorando complessivamente di riflesso le performance di business aziendali.

Senza engagement non c’è partita, non c’è, qualunque esso sia, un futuro dei giornali. Deve essere questa la priorità assoluta, credo davvero, per il 2013.

Chi ha tempo non aspetti tempo.

Tempo per Mezzo UK

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Una risposta a “Chi ha Tempo non Aspetti Tempo

  1. Alberto Gianera

    Scrollavo l’immagine e fino ad un certo punto pensavo fosse una piechart 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...