Il Nulla, Più Velocemente

Ieri in prima serata Pierferdinando Casini ha postato su Twitter la foto di gruppo con Alfano, Bersani e Monti seguita dal commento” “Siamo tutti qui! Nessuna defezione!”. Esattamente 6 minuti dopo «Il Post», vincendo il palmares della rapidità tra le redazioni, l’aveva già [ri]pubblicata sul suo sito nonostante, pare, il suo Direttore non abbia apprezzato la mossa del leader dell’UDC.  Con tempi di reazione più o meno rapidi hanno fatto seguito tutti i principali organi di informazione nazionali nelle loro edizioni online, nessuno escluso, agenzie di stampa e ovviamente blog e superblog.

Esemplare sotto questo profilo Piero Vietti in suo recente articolo di autocritica giornalistica sul feticcio della rete scambiata per realtà che conclude: “C’è anche questo tweet, che andrebbe stampato nei manuali per l’esame di giornalismo: Giornalisti basta pezzi su quello che la gente scrive su Twitter. Non è una notizia e se voglio saperlo apro Twitter”.

Sempre ieri si è svolto a Milano presso lo IULM un convegno sulla SocialMediAbility, presentazione dei risultati dell’Osservatorio creato dall’Università sull’uso dei social media da parte delle aziende italiane.

In attesa che vengano diffusi i risultati completi della seconda edizione dell’indagine non resta che affidarsi alle parole di commento del Direttore Scientifico del Master che dichiara: “In sintesi, la ricerca mostra come le aziende italiane, anche di piccole e medie dimensioni, utilizzino sempre più spesso i social media nelle loro attività di comunicazione e marketing,[….] Ma i risultati ottenuti testimoniano anche come essi siano ancora molto spesso gestiti in maniera un po’ improvvisata e poco consapevole delle logiche comunicative e dei linguaggi propri di ciascuno di tali canali”.

Elemento confermato dalle sintesi effettuate da chi era presente alla presentazione dei risultati,  che, a titolo di curiosità, pare aver colpito gli organizzatori stessi che hanno sbagliato l’hashtag ufficiale dell’evento, #sma2011, inserendo l’anno passato.

Senza il giusto messaggio, senza la giusta strategia ed approccio di comunicazione, che si tratti di informazione giornalistica o di comunicazione d’impresa, Twitter, come tutti i mezzi, non è migliore del vecchio fax. Resta solo il nulla, più velocemente.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Una risposta a “Il Nulla, Più Velocemente

  1. Fabio Cavallotti

    Sì esattamente siamo immersi nel nulla, dall’unione di parole/foto, provenienti dalle diverse fonti (agenzie, social media): i giornali stanno decisamente virando verso una costruzione del senso della realtà impostata a raccogliere la massima quantità di utenti (sopratutto sull’online). Sono ripetitivo ma è questa la cruna attraverso la quale si vuole fare passare il cammello dell’informazione professionale. Ma al massimo ci passa qualche pelo dell’animale, il resto resta dall’altra parte. Questa mattina le aperture sono tutte concentrate sull’accordo tra i partiti in tema di lavoro e giustizia. Ma per ora della “ciccia”, di cosa si tratta, non c’è una virgola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...