Archivi del giorno: marzo 4, 2012

Giornalismo da Cretinetti

«Il Giornale» torna oggi, dopo averlo già fatto a caratteri cubitali, come d’abitudine, nellla prima pagina del 28 febbraio scorso,  ad apostrofare i No Tav definendoli “cretinetti”.

Spiega il dizionario etimologico che il termine cretino è sinonimo, significato di “persone semplici ed innocenti [….] quasi assorti nella contemplazione delle cose celesti”.

I casi sono due, o alla redazione del quotidiano di famiglia si assiste ad un brusco cambio nella linea editoriale che, in base alla terminologia utilizzata ed al suo significato proprio, sarebbe straordinariamente di appoggio alle proteste o, in alternativa, i titolisti necessitano di alcune lezioni basiche di italiano, oltre che di bon ton probabilmente.

Direbbe il principe Antonio De Curtis, in arte Totò, “si informi cretino”!

3 commenti

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi

99 Idee per l’Editoria

Filippo Pretolani, più noto in Rete come Gallizio, durante il recente incontro sul “web marketing al tempo dei social network” al quale ho avuto il piacere di partecipare, nel suo intervento ha presentato “99 Idee per l’Editoria” riflessioni a tutto campo sulle evoluzioni secondo la sua visione del mondo dell’editoria.

Come tutte le presentazioni il contributo, il commento del relatore alle slide è fondamentale, ciò nonostante la semplicità con la quale vengono fatte alcune considerazioni è rivoluzionaria per la portata e le implicazioni che ne derivano, offrendo una prospettiva davvero interessante sull’attuale stato dell’essere e le potenziali aree di evoluzione.

Ciò che personalmente mi ha maggiormente colpito è la definizione fornita nel corso dello speech di editore che, abbinata al rimarcare, giustamente, la sottile ma non trascurabile differenza tra informazione digitalizzata e informazione digitale,  in poche parole indica, da un lato, l’approssimazione dimostrata sino a questo momento nell’approccio al digitale e, dall’altro lato, le aree di impatto principali nell’articolato rapporto tra social media e giornalismo.

Da leggere e riguardare più volte per essere “digerita”, compresa adeguatamente. In caso di dubbi consultare Mafe De Baggis.

NdR: Le immagini dello slideshow sono a cura di Mario Pischedda, amico comune ormai, conosciuto ad una sua mostra un anno fa, che dalla filosofia è passato alla fotografia senza interrompere mai il percorso.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Distribuzione Editoria, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali