El Pais Spinge sull’Acceleratore a Tutta Tavoletta?

«El Pais» lancia, da domani domenica 8 gennaio, una promozione per ottenere un tablet a soli 119€.

L’obiettivo parrebbe chiaro: spingere l’edizione digitale per questo tipo di device del quotidiano. Infatti in abbinata, come avviene anche per altri giornali, viene offerto un mese di accesso gratuito a tutte le pubblicazione del gruppo Prisa, l’impresa editoriale che controlla il quotidiano in questione, sulla piattaforma che raggruppa diverse testate ed editori in Spagna.

La promozione, oltre ad avere una meccanica di raccolta punti lunga e eccessivamente complessa, si presta a fidelizzare il lettore all’edicola poichè prevede la raccolta di 45 punti da domani sino al 22 di marzo e, da quel giorno, la consegna del tanto desiderato tablet presso il proprio giornalaio di fiducia. E’ stato fissato in 30mila il numero massimo di supporti che verranno dati in totale a queste condizioni.

Nel complesso sembra più un escamotage, male architettato, per trainare la diffusione su carta che, come parrebe a prima vista, di promozionare la propria versione digitale.

Non resta che augurarsi che sia davvero così, poichè, come emerge da “State of the Media 2011”, reso pubblico ieri da Nielsen, anche valutando le intenzioni d’acquisto, che l’esperienza insegna necessitano sempre di un’ampia taratura, non pare che i tablet abbiano prospettive di grande espansione nel breve periodo in Europa. Se su quella base, inoltre, si calcolasse quanti sono i potenziali sottoscrittori di un abbonamento a pagamento ad un quotidiano digitale, non risulterebbe difficile stabilire quanto esigue siano per i prossimi tre anni almeno i ricavi che possono derivarne.

Per l’iPad e l’iperconsumatore gli editori devono ancora mettersi in lista d’attesa.

Fonte: Nielsen State of the Media 2011 - Consumer Usage Report

3 commenti

Archiviato in Distribuzione Editoria, Nuovi Prodotti Editoriali, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

3 risposte a “El Pais Spinge sull’Acceleratore a Tutta Tavoletta?

  1. Lavorando nel settore dei quotidiani da molti anni non posso che essere d’accordo. Non vi è alcun dubbio che il “modello di business” legato al settore è in crisi ma non sarà il tablet a soppiantare le notizie su carta, almeno per ora.

  2. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Caro Pier Luca,

    la penso esattamente come te. Questi sono i classici trucchetti per stimolare il lettore all’acquisto di una qualche edizione del proprio quotidiano, sia essa cartacea o digitale, poco cambia per l’azienda.
    Parlando di numeri: 30.000 tablet?!? Tale cifra, conferma ciò che si è detto: mera pubblicità.
    Tuttavia, noi ora ne stiamo parlando, quindi direi che come idea non è male. Semplicemente, c’è una bella discrasia tra intenti dichiarati ed intenzioni reali del Pais e, tutto ciò, stride un bel po’.

    Parlando in un senso più ampio, è probabile che il tablet andrà a modificare i nostri usi sociali e la nostra quotidianità. Non nell’immediato, ma con gradualità. Mi stupisce che siano proprio le aziende che operano nel settore dei media e delle ICT le prime a non capire che ritmi tecnologici e tempi sociali, salvo casi eccezionali, non possono andare di pari passo.

    Un saluto, e buona domenica! 🙂

    Daniele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...