Archivi del giorno: luglio 4, 2011

Passaparola

Google e Keller Fay hanno realizzato uno studio teso ad analizzare l’influenza di internet nel passaparola.

La ricerca ha coinvolto un campione stratificato di 3.000 persone rappresentativo della popolazione analizzando il ruolo di ciascun media come canale di marketing per generare conversazione e dunque passaparola. Pur essendo particolarmente focalizzato sul ruolo della search, com’è naturale che fosse visto il committente, lo studio evidenzia degli elementi che sono di assoluto interesse.

Il 95% del passaparola avviene offline  [84% “face to face” – di persona – e 11% al telefono] e nel 5% dei casi online.

Internet sorpassa qualsiasi altro mezzo di comunicazione come fonte in grado di generare, alimentare e sostenere la conversazione. Di particolare importanza appare il ruolo della Rete nella fase di approfondimento successiva ad una conversazione interpersonale e nel caso di informazioni apprese dalla televisione.

La search influenza il 15% del totale nella ricerca di informazioni prima, durante e dopo le conversazioni, mentre le versioni online dei mainstream media ed i siti web  di notizie pesano rispettivamente attorno al 2%.

Il video sottostante riassume le principali evidenze raccolte i cui dettagli sono liberamente scaricabili.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

L’iPad, le Telco e gli Editori

Secondo le indiscrezioni pubblicate su “Italia Oggi” la diffusione dell’iPad nel nostro paese potrebbe ottenere una accellerazione significativa a breve.

Nell’articolo pubblicato venerdì si afferma che entro pochi giorni tutti e quattro gli operatori telefonici mobili, Tim, Vodafone, Wind e H3g avrebbero raggiunto un accordo commerciale con Apple che gli consentirebbe di effettuare offerte di canone mensile dell’abbonamento comprensivo del tablet così come già avviene da tempo per i telefonini.

Si tratta di una proposta che indubbiamente, se confermata, consentirebbe una diffusione maggiore rispetto all’attuale del device della Apple.

Le ipotesi effettuate dal quotidiano parlano di una range tra i 300mila ed i 500mila pezzi che potrebbero entrare nella case degli italiani grazie all’offerta,   raddoppiando così l’attuale penetrazione sul mercato che è stimata in 300mila iPad venduti nel 2010.

Bassa qualità della copertura della rete 3G e scarsa diffusione del wi-fi potrebbero essere gli ostacoli che, se non rimossi, maggiormente inciderebbero negativamente su diffusione ed utilizzo del tablet condizionando le attese.

A prescindere da quali saranno effettivamente i volumi incrementali che verranno realizzati, non si illudano gli editori di beneficiare negli stessi tempi della crescita poichè i dati sull’utilizzo prevalente e le categorie di applicazioni per le quali vi è disponibilità ad un esborso da parte delle persone sono distanti dall’ambito di riferimento del comparto editoriale tradizionale come conferma, anche, la recente ricerca condotta dall’Online Publishers Association.

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali, Vendite Editoria