Questa è Casa Mia e Qui Comando Io

Mathew Ingram, dalle colonne di Gigaom, riassume i casi di censura effettuati da Facebook concludendo, giustamente, che quando le nostre informazioni sono filtrate da un’organizzazione con interessi privati il concetto di spazio pubblico normalmente riservato ai social network richiede un momento di attenzione e riflessione al riguardo.

La ricerca di socialità della notizia e di nuovi spazi di espressione giornalistica, in cui sia possibile affermare ciò che si deve dire, non può essere messo a rischio da regole e desideri arbitrari.

Facebook non è luogo per il giornalismo.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Passaggi & Paesaggi, Scenari Editoriali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...