L’Ora Illegale

Una donna libica, entra in lacrime nell’Hotel Rixos di Tripoli per raccontare quanto le è accaduto ai giornalisti.

Originaria di Bengasi, Eman Al Obeidi, cosi’ ha detto di chiamarsi, sarebbe stata presa da soldati a un check point fuori dalla capitale, tenuta per due giorni in arresto, con mani e piedi legati, subendo abusi. “Sono stata legata e toccata in varie parti del corpo dai soldati” ha detto la donna piangendo nei pochi istanti in cui ha potuto parlare con i giornalisti.

Infatti, sono immediatamente intervenuti i responsabili della sicurezza e il personale dell’albergo che hanno bloccato la donna tentando di metterla a tacere ed allontanando la stampa con metodi spicci. Un giornalista e’ stato colpito al volto, mentre una cameriera ha brandito un coltello verso la donna urlandole “traditrice”.

La donna e’ stata poi allontanata con la forza in giardino dagli uomini della sicurezza ed e’ stata costretta in una berlina bianca.  Prima che venisse chiusa la portiera della macchina ha urlato “mi portano in prigione”.

Segnalano i fatti, commentandoli, il New York Times, Reuters, Guardian, New York Magazine, Global Voices e Telegraph. In italia solamente il Corriere della Sera pubblica il video, senza commento e [non è chiaro a che titolo] “brandizzandolo”.

1 Commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Una risposta a “L’Ora Illegale

  1. Pingback: Dateglielo voi un titolo « Sotto l'ombra degli olmi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...