Archivi del giorno: marzo 9, 2011

Il Futuro Prossimo della Tecnologia

Michell Zappa, designer di Trendwatching, impresa dedicata al monitoraggio delle tendenze emergenti, ha realizzato l’infografica sottostante che sintetizza quelle che sono le tecnologie attualmente in fase di sviluppo e che saranno disponibili entro i prossimi 25 anni.

Le diverse aree sulle quali le tecnologie avranno entro tale termine un impatto significativo spaziano dal denaro, con la moneta virtuale ed una società futura che non utilizzerà più i contanti, all’intelligenza artificiale con tutte le sue diverse applicazioni, passando per la connettività ed i suoi progressivi miglioramenti e, finalmente, l’utilizzo di fonti di energia pulita e rinnovabili.

A maggior distanza dal centro della grafica corrisponde un arco temporale più dilatato in  termini di realizzazione su ampia scala.

Diceva Woody Allen in “Without Feathers”:  Non c’è dubbio che ci sia un mondo invisibile. Il problema è, quanto dista dal centro storico e qual è l’orario di chiusura?

Clicca per Ingrandire

[Via]

Lascia un commento

Archiviato in Passaggi & Paesaggi

Crowdfunding Senza Enfasi

Il Crowdfunding, termine mutuato dal crowdsourcing,  è un processo collaborativo di un gruppo di persone finalizzato alla raccolta di fondi per supportare una determinata organizzazione o iniziativa. Il concetto viene applicato anche al giornalismo parlando specificatamente di crowdfunding journalism, ovvero della raccolta di danaro per finanziare inchieste giornalistiche che non sono direttamente supportate economicamente dalle imprese editoriali.

Sull’onda del relativo successo di Spot.us molti hanno ipotizzato che potesse essere una modalità vincente per superare la crisi del comparto per finanziare e rilanciare il giornalismo investigativo, dando luce a diverse iniziative che ne mutuavano i principi anche nel nostro paese.

Il New York Times nei giorni scorsi ha segnalato la nascita di una nuova iniziativa in quest’ambito dedicata ai reportage fotografici.

Emphas.is propone il versamento di quote individuali di 10$ per finanziare inchieste di foto-giornalismo di proprio interesse ed anche la possibilità di copertura del 50% dei costi agli editori che poi  pubblicheranno il reportage.

E’ un ipotesi di lavoro interessante che concettualmente mi affascina, che anche Kickstarter sta tentando di percorrere.

Peccato che per entrambe le iniziative, come avvenuto già per molti altri casi, sin ora i progetti effettivamente finanziati e realizzati siano un’eccezione e non la regola.

1 Commento

Archiviato in Nuovi Prodotti Editoriali, Scenari Editoriali, Vendite Editoria