Archivi del giorno: dicembre 16, 2010

Termini Sociali

Facebook,  come già avvenuto per Twitter e Google, ha rilasciato la classifica dei termini più utilizzati negli “status updates” della rete sociale più popolosa del pianeta.

Il termine più utilizzando, secondo quanto riportato,  è HMU [“Hit me up”], allocuzione gergale comunemente usata dagli utenti per concordare appuntamenti, incontri con gli amici. Non a caso infatti, il termine, che ha ottenuto 80 milioni di menzioni, ha ottenuto picchi nell’utilizzo durante le vacanze ed i fine settimana.

Un’indicazione puntuale sull’utilizzo prevalente del social network da parte dell’utenza e sulla diffusione sociale dei termini che divengono in questo modo parte integrante del linguaggio comune.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione

Mediactive

Dan Gillmor, imprenditore, giornalista e direttore del Knight Center for Digital Media Entrepreneurship, autore di We the Media, pietra miliare sulle evoluzioni dei media e dell’ecosistema delle notizie, ha pubblicato ora un testo straordinario incentrato sugli sviluppi e sui modelli di business possibili a partire dall’attuale scenario.

Mediactive si divide in tre parti.

Nella prima si traccia una sintesi dello stato dell’essere attuale, delle problematiche economiche, della scarsa criticità del potere e dell’eccesso di sensibilità nei confronti delle nuove proposte emergenti dal web e nel mondo digitale più in generale.

La seconda parte si concentra sui mezzi, gli strumenti ed i sistemi per produrre un giornalismo migliore. Una sezione “pratica”, dedicata a tutti coloro che vogliono comprendere come usare al meglio gli strumenti attualmente disponibili per rendere un servizio di qualità alla propria comunità di riferimento.

Nella terza vengono trattati i temi macro di sviluppo. Sono identificate le linee guida per l’insegnamento del giornalismo, la legislazione, il rapporto con l’utenza e la network neutrality.

Come recita la copertina del libro: ” We’re in an age of information overload, and too much of what we watch, hear and read is mistaken, deceitful or even dangerous. Yet you and I can take control and make media serve us –all of us–by being active consumers and participants. Here’s how“.

Il libro è arricchito ulteriormente dalla prefazione realizzata da Clay Shirky.

Sono disponibili in 3 versioni: quella tradizionale cartacea, e-book e liberamente scaricabile in pdf.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Nuovi Prodotti Editoriali, Scenari Editoriali