Archivi del giorno: agosto 9, 2010

Books vs E-Books

La scorsa settimana il dibattito, la conversazione,  per chi si interessa al comparto editoriale nel suo complesso, è stata fortemente incentrata sul comparto dei libri.

La notizia della decisione da parte di Barnes & Noble di mettere sul mercato la propria catena di librerie  ed il sorpasso della vendita di libri elettronici rispetto ai tradizionali per Amazon, hanno rinsaldato le previsioni di chi vede un futuro tutto digitale in campo editoriale.

Nicolas Negroponte si schiera apertamente dalla parte di non vede altra possibilità che non sia la morte del libro fisico al quale fa Eco chi invece mette la mano sul fuoco sui volumi di carta.

Riferimenti, tanto equilibrati quanto qualificati, sul tema sono stati proposti da Giuseppe Granieri nei giorni scorsi fornendo spunti diversi al riguardo.

Da parte mia ritengo che la decisione di Kindle, il più celebre dei lettori per libri elettronici, di introdurre dei videogames sia un segnale altrettanto forte di dove realmente il mercato sia ed andrà a collocarsi.

Non ho, ovviamente, una risposta certa al futuro dei libri, ma resto sorpreso da come si ragioni sempre in termini di alternativa invece che di integrazione.

E’ la stessa domanda che si pone Newsweek in un articolo sul tema che viene corredato da un’interessante infografica nella quale capeggia il quesito “does one have to win?” [deve per forza vincere solo uno?].

Nell’epoca in cui si celebra il concetto di win-win, sorprende spiacevolmente come il confronto sia prevalentemente in termini di contrapposizione.  In una nazione come l’Italia in cui l’alphabetical divide è una triste realtà, le preoccupazioni dovrebbero incentrarsi su altri aspetti e la ristretta minoranza di lettori attivi concentrarsi su come facilitare un percorso virtuoso invece di lasciarsi andare  a conflitti ideologici e previsioni che lasciano il tempo che trovano.


1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali, Vendite Editoria