Archivi del giorno: gennaio 8, 2010

Tempus fugit

Secondo uno studio della JPMorgan, gli utenti spendono il 29% del loro tempo su internet però gli investimenti pubblicitari sono ancora decisamente sfasati a favore di altri mezzi di comunicazione. In particolare sarebbe proprio la stampa ad avere il rapporto maggiormente sfavorevole, in termini di prospettiva, tra tempo ed investimenti.

Ovviamente la gestione strategica della comunicazione pubblicitaria non si basa esclusivamente sul tempo speso dal pubblico con un determinato media ma tiene in considerazione una molteplicità di aspetti che guidano gli investitori.

Certamente la stampa deve considerare con attenzione il suo posizionamento pena un ulteriore ridimensionamento di vendite e di raccolta pubblicitaria. Sotto questo profilo, nel nostro paese, attualmente e, a mio avviso, ancora per lungo tempo a venire, la minaccia viene più dalla televisione, la cui quota di investimenti pubblicitari è straordinariamente superiore agli altri paesi,che dal web.

Non è sulla gratuità che pare possibile fare leva come testimoniano le numerose chiusure della free press, ma sul coinvolgimento attivo del lettore, sulla creazione di un senso di community che ritengo sia necessario lavorare. Mi pare che il successo del “Fatto” vada letto in tal senso.

Sotto questo profilo il lavoro da svolgere è ancora considerevole, il tempo si riduce sempre più da questa prospettiva più che da quella degli investitori. Meglio agire.

clicca per ingrandire

Update:  Sono riuscito a scovare il documento integrale della JPMorgan dal quale è estratto il grafico soprariportato.  JPMorgan Nothing But Net Internet Investment Guide 2009 è un documento articolato e corposo ma vale la lettura. Qui il documento ed i link per scaricarlo gratuitamente.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali, Vendite Editoria