Correlazioni ed ipotesi di lavoro

La percezione attuale dei lettori nord americani sull’accuratezza e la credibilità delle notizie è crollata ai livelli più bassi dal 1985 ad oggi.

Il rapporto recentemente pubblicato da The Pew Research Center for the People and the Press non lascia dubbi al riguardo. Circa due terzi dei lettori ritiene che le storie, gli articoli pubblicati siano spesso inaccurati, inesatti o pretestuosamente faziosi, con il conseguente sensibile aumento di coloro che affermano di non considerare professionale giornalismo e giornali.

Press accuracy

Al tempo stesso, come noto, la stampa è il media che maggiormente risente della crisi degli investimenti pubblicitari con una calo continuo che ne ha dimezzato gli introiti nel tempo. La situazione complessiva dei giornali statunitensi è stata ottimamente sintetizzata recentemente grazie all’efficacissima infografica realizzata da Mint.

Restando nel mondo anglosassone, è notizia di oggi il fatto che in Gran Bretagna internet abbia superato persino la televisione [e perciò anche i giornali] in termini di introiti pubblicitari. Il Guardian, nell’articolo che riporta il dato sopracitato, conclude ricordando che in Europa già in Danimarca sei mesi fa era avvenuto lo stesso sorpasso anche se, evidentemente, le dimensioni delle due nazioni/mercati renda di maggior rilevanza quello odierno.

Non casualmente, Danimarca e UK sono i due stati a livello europeo dove minore è la fiducia nei media tradizionali e maggiore è invece quella riposta nella notizie on line, come riportava una ricerca di TNS di fine 2008. Se le marche, gli investitori pubblicitari, devono sempre più creare una relazione fiduciaria con “il target di riferimento” è evidente che vadano a ricercare [e ad effettuare investimenti in] contesti che favoriscono queste dinamiche invece di ostacolarle poiché non credibili come mezzi di comunicazione.

Sono elementi e dinamiche, delle quali ho avuto modo di parlare a più riprese nel tempo, assolutamente presenti anche nel nostro paese. Anche se da una prospettiva distinta, alcuni dati di ulteriore supporto sono stati forniti-ricordati non più tardi di ieri.

Trust the media

Il prezzo dell’informazione è legato strettamente al credito che i lettori le portano [cit.] è questa la vera trave nelle rotative dei giornali. Sotto il profilo dei contenuti e della redditività tutto il resto è, nella migliore delle ipotesi [o peggiore, a seconda dei punti di vista], colore e corollario.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali, Vendite Editoria

Una risposta a “Correlazioni ed ipotesi di lavoro

  1. Pingback: Notizie dai blog su Voglio scappare in Europa - Danimarca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...