Archivi del giorno: luglio 15, 2009

Il futuro delle notizie

Quello che sarà il futuro del giornalismo e delle notizie inizia a delinearsi con sufficiente precisione per quanto riguarda il medio periodo [prossimi 3 – 5 anni] ed una ottima sintesi dello stato dell’arte viene effettuata dall’ottimo Raffaele Mastrolonardo su “Alias” dell’11 luglio.

In Solo un dato ci può salvare, Mastrolonardo riassume le nuove frontiere del giornalismo [e dei giornali] indicando alcuni esempi pionieristici ed argomentando che il rilancio dei giornali passa dalla capacità di impiegare le nuove tecnologie per aiutare il lettore a dare un senso al diluvio di dati che lo inonda; per concludere come, appunto, la salvezza del giornalismo passi inevitabilmente dalla capacità di dare un senso ai dati.

Senso ai dati che, per inciso, pare sfuggire ad altri professionisti dell’informazione che dall’analisi dei successi di Economist e Bilds sembrano trarre solo conclusioni relative a stipendi d’oro e ad attività di lobby contro la televisione commerciale.

Fortunatamente ad elevare nuovamente le sorti ed il livello del dibattito in corso sul tema pensa Steven Berlin Johnson con la pubblicazione di una sua recente speech all’ Interactive Festival di Austin [USA].

Old Growth Media and The Future of News , si articola su quattro assi portanti tutti da leggere o ascoltare secondo le preferenze.

Nelle conclusioni Johnson rende disponibile il sottostante grafico di sintesi dell’ecosistema delle notizie e dei giornali producendo, a mio avviso, un’ottima rappresentazione di quello che è il futuro dell’editoria.

Old Growth Media & the future of News

Il modello proposto non è alternativo bensì complementare, integrando l’attuale e migliorandolo.

Come afferma il Johnson stesso, certamente non sarà un sistema perfetto [ma ne esistono poi davvero?] ma rappresenta indubbiamente un importante miglioramento rispetto al paradigma sul quale si è basata l’editoria sin ora.

The emerging news ecosystem is already around us, and already doing wonderful things. Most of us in this room, I suspect, are already living in the old-growth forests now. It’s up to us to remind everyone else how promising those ecosystems really are — or, even better, to help them live up to that promise.

Personalmente, tra i tanti, ci provo tutti i giorni dalla [ri]apertura di questo spazio di discussione su internet ad oggi.

1 Commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali