Asociali quotidianamente

Tra novembre e dicembre dell’anno scorso Gartner ha realizzato una ricerca su un campione di utilizzatori di internet negli Stati Uniti, Regno Unito ed Italia per comprendere come le persone scoprano e condividano diversi tipi di contenuti.

La ricerca “”Newspaper Publishers Must Do More to Empower Brand Stewards” ,come si può intuire dal titolo, focalizzava la propria attenzione sui quotidiani dei paesi in questione.

I risultati sono davvero d’interesse, visto anche lo specifico riferimento alla nostra nazione.

I quotidiani non fanno abbastanza per favorire il passaparola on line, infatti in rarissimi casi sono integrati i tools dei social media all’interno dei siti dei quotidiani [verificare per credere!]. In questo modo vengono perse importanti opportunità di condivisione dei contenuti e quindi di diffusione della marca/quotidiano.

Se il 49% dei rispondenti usa i motori di ricerca con regolarità, la percentuale scende al 20% per gli strumenti di ricerca interna ai siti dei quotidiani.

Insomma, per dirla con le parole di A.Weiner [Vice Presidente Gartner]: “…………..publishers are losing focus on the crucial imperative of how to capitalize on those consumers who remain loyal, engaged online and print readers,………Brand-loyal news consumers need to be turned into brand stewards who can wield their influence to two parts of their social graph – those who know them personally, and those who regard the brand stewards as tastemakers with similar points of view

Certamente il campione di soggetti intervistati è numericamente davvero ridotto [989 rispondenti] e, pur non dubitando della professionalità della Gartner, non può evidentemente essere rappresentativo della popolazione delle tre nazioni in questione. Nondimeno i risultati sono indubbiamente indicativi di una tendenza in essere.

social media main benefits

social media main benefits

Il marketing editoriale deve uscire dal primo stadio legato alle semplificazioni dei tagli prezzo, dei collaterali e delle prevaricazioni per entrare finalmente in relazione con i pubblici di riferimento secondo le loro attese ed abitudini. Mi pare di ricordare che, fra gli altri, l’avessi già suggerito più di 12 mesi or sono.

Lascia un commento

Archiviato in Comunicazione, Scenari Editoriali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...